DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Stati generali della ricerca Piacenza

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / temi / tributi imposte canoni / Tari - tassa sui rifiuti

Tari - tariffa rifiuti

Il 30 aprile scade la prima rata. La Tari è dovuta da chi a qualsiasi titolo possiede o detiene locali e aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti urbani nel territorio comunale.

Scadenze

Si paga in due rate:

• 30 aprile - prima rata
• 15 ottobre - seconda rata

Iren invia il prospetto di liquidazione della Tari e il modello F24 precompilato.


Ufficio di riferimento:

Ufficio TARI - Sportello clienti Iren - via Sopramuro 15 - Piacenza.


La riscossone della Tari è gestita per conto del Comune di Piacenza da Iren.

Chi deve pagare
Chi a qualsiasi titolo possiede o detiene locali e aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti urbani nel territorio comunale.

In particolare:
• Utenze domestiche

È tenuto al pagamento l’intestatario della scheda di famiglia anagrafica o colui che ha sottoscritto la dichiarazione iniziale o i componenti del nucleo famigliare o altri detentori.
Da giugno 2014, chi chiede il cambio di residenza dovrà presentare anche il modulo TARI, consegnandolo direttamente al Quic insieme ai moduli del cambio di residenza.
Al fine di verificare l'esattezza dei dati, occorre consegnare anche la fotocopia del codice fiscale dell'intestatario.

•Utenze non domestiche
È tenuto a pagare il titolare dell’attività o il legale rappresentante della persona giuridica o il presidente degli enti ed associazioni prive di personalità giuridica

 


Richiesta rateizzazione utenze non domestiche

Qualora l'importo del singolo avviso di pagamento sia uguale o superiore a €. 2.000,00 (duemila), il contribuente può chiederne la rateazione  presentando istanza, prima della scadenza dell'avviso, ad IREN.
La somma può essere suddivisa in due rate: la prima  da pagare entro la scadenza indicata nell'avviso, la seconda  entro i successivi 30 giorni.

Resta ferma la possibilità per i contribuenti in temporanea situazione di obiettiva difficoltà economica di chiedere la dilazione del tributo ordinario , presentando richiesta opportunamente documentata.