DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Tu sei qui: Home / temi / territorio / recupero aree militari e demaniali / MAPS / Newsletter – Numero 0 – Giugno 2016

Newsletter – Numero 0 – Giugno 2016

 

Follow the MAPS


Cari Amici,
eccoci al debutto – in forma molto sperimentale – della newsletter che periodicamente vi aggiornerà sugli eventi e le notizie riguardanti la rete europea del progetto MAPS, di cui Piacenza è capofila. L’acronimo che ci rappresenta – quattro lettere che sintetizzano “Military Assets as Public Spaces” – racchiude il traguardo del nostro percorso: “Aree Militari come Spazi Pubblici”.
Dopo i primi sei mesi di scambio e confronto, le dieci città partner del progetto hanno ricevuto la conferma ufficiale dell’ammissione alla seconda fase del programma URBACT III, il che comporterà altri due anni di condivisione delle idee sul futuro delle aree militari dismesse nei rispettivi territori. Complessi architettonici diversi, ciascuno con il proprio valore storico e culturale, ma un un obiettivo comune: la riqualificazione e rigenerazione urbana come elemento chiave per promuovere l’inclusione sociale.

Cambia il nostro profilo, non l’identità della rete

Qualche settimana dopo l’inizio della fase 2 – avviata il 4 maggio scorso – il nostro partner francese, Chalons en Champagne, ha notificato l’intenzione di abbandonare il progetto, a causa della carenza di personale dedicato. Resta il rammarico per aver perso un’esperienza preziosa da cui trarre insegnamento, ma al tempo stesso questa decisione dimostra quanto lavoro, cura e attenzione comportino i progetti europei.
Tuttavia, anche le informazioni inerenti alla città transalpina sono incluse nel “Baseline Study”, il documento riassuntivo compilato dall’architetto Luca Lanzoni – Lead Expert assegnatoci dall’Unione Europea – le cui pagine iniziali possono essere scaricate dal nostro sito web: www.urbact.eu/maps .
Questa, dunque, la mappa del nostro newtork ad oggi: Piacenza (Italia), Varazdin (Croazia), Szombathely (Ungheria), Cartagena (Spagna), Espinho (Portogallo), Longford County (Irlanda), Telsiai (Lituania), Serres (Grecia) and Koblenz (Germania).

 

Rendez-vous a Varazdin
Conto alla rovescia per il primo meeting trasnazionale della fase 2: l’appuntamento è a Varazdin il 21 e 22 giugno.
Sarà il primo di numerosi incontri europei che ci attendono nei prossimi mesi. Se Cartagena è già stata scelta come sede per il settembre 2016, Koblenz ospiterà un altro meeting nel gennaio 2017, Telsiai nel settembre successivo e Longford nel gennaio 2018… dove si terrà il terzo incontro, nella primavera 2017? Questo è solo uno dei tanti argomenti che saranno oggetto di discussione nella suggestiva cornice della città croata.
Chi volesse scoprire qualcosa in più sulle città appartenenti alla rete di MAPS può visitare il nostro canale YouTube per una panoramica dalla costa atlantica a quella baltica.

 

Cartoline da…Piacenza
Un premio dall’Agenzia del Demanio

La recente approvazione del Piano strutturale comunale (Psc) e del Regolamento Urbanistico Edilizio (Rue), mette nero su bianco la nuova destinazione urbanistica di dodici ex strutture militari inserite nel Programma unitario per la valorizzazione territoriale (Puvat), avviato nel 2012 con il Protocollo d'intesa siglato tra il Demanio e l’Amministrazione comunale.
Un patrimonio di considerevole valore storico, architettonico ed economico, parte del quale – le Caserme Pietro Cella, De Sonnaz, Alfieri e Cantore  – è stato trasferito alla Cassa Depositi e Prestiti nel dicembre 2014, determinando un bonus pari al 15% del valore di vendita delle quattro strutture: una premialità di 1.796.643,48 euro che il direttore nazionale dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, ha consegnato con un simbolico assegno, nella sala consiliare del Municipio, al sindaco Paolo Dosi. Risorse importanti, che saranno utilizzate per investimenti infrastrutturali sul territorio.
Gli edifici e le aree in questione non includono i tre complessi oggetto di MAPS, ovvero il Laboratorio Pontieri, l’area della Pertite e la Caserma Lusignani a Sant’Antonio.

 

La dove c’era una fabbrica di proiettili, un parco giochi…
C’è tempo sino a domenica 26 giugno, per votare il logo del nuovo parco giochi che potrebbe in futuro vedere la luce nell’area bambinidella ex fabbrica di caricamento proiettili della Pertite.
Un labirinto, un sentiero olfattivo tra spezie ed erbe aromatiche, strumenti musicali giganti per dare voce alla natura: sono solo alcune delle suggestive idee che 150 alunni di 8 scuole primarie cittadine hanno elaborato per questo progetto speciale. Accanto a loro, gli studenti della media “Calvino” di via Stradella, che con la supervisione degli architetti Eleonora Loca e Matteo Cervini (componenti del Gruppo Locale URBACT di Piacenza) hanno presentato la propria proposta per il futuro dell’area.
Gli 11 loghi in concorso sono stati illustrati al sindaco Paolo Dosi, all’assessora alle Politiche Giovanili Giulia Piroli e al presidente del Consiglio comunale Christian Fiazza, nonché al Comitato “Amici del Parco della Pertite”, nel corso di una mattinata all’arena Daturi.
Per esprimere la propria preferenza:
http://partecipa.comune.piacenza.it/perc…/logo-parco-pertite

 

Cartoline da… Longford
In ricordo della Rivolta di Pasqua

Anche le Connolly Barracks, ex complesso militare tra le aree di interesse di Maps, hanno ospitato dal 22 al 24 aprile la commemorazione speciale per rendere omaggio alle donne e agli uomini di Longford che parteciparono, nel 1916, alla Rivolta di Pasqua, nel centenario della storica insurrezione per l’indipendenza irlandese.
Tra esposizioni artistiche e di artigianato, è stata mostrata per la prima volta anche una mappa del territorio risalente al 1916, che indica i siti importanti per quell’evento.
La banda della local Longford Garda Police ha attraversato la città dalla Cattedrale alle Connolly Barracks, contando tra i propri membri anche alcuni familiari degli abitanti di Longford che furono protagonisti della rivolta. “Ricorda, rifletti, reimmagina”: questo il tema della parata cui è seguita la lettura della proclamazione dell’indipendenza d’Irlanda e la cerimonia dell’alzabandiera, frammenti istituzionali di grande impatto emotivo in un weekend di memoria e suggestioni.

 

Cartoline da… Telsiai
“Darom”: tutti in azione!

E’ stato il motto della giornata, come avviene ogni anno in primavera in Lituania: “Darom!” significa “Andiamo!” ed è l’esortazione rivolta adarom comitati, associazioni e privati cittadini che scelgono un’area del territorio locale da ripulire, raccogliendo rifiuti e detriti. In tutto il Paese, le persone partecipano a questa grande azione collettiva per sensibilizzare alla tutela dell’ambiente e il Comune di Telsiai non ha fatto eccezione!
Per il terzo anno consecutivo, anche i dipendenti del Distretto Municipale, con le loro famiglie, hanno fatto squadra per cambiare il volto dei terreni circostanti la più grande area militare della zona, seguendo la positiva esperienza di due anni fa quando la comunità locale aveva varcato la soglia della stessa “Military Town”.

 

Fondi europei per il Distretto
Accrescere l’attrattività del territorio per le imprese locali e straniere, risolvendo nel contempo il problema dell’inquinamento: questi gli obiettivi prioritari del progetto per la riqualificazione della ex base militare sovietica di Telsiai, che ha ottenuto l’approvazione per il finanziamento grazie ai Fondi Strutturali Europei 2014-2020.
Il progetto di rigenerazione riguarda una superficie di circa 17 ettari, oggi di proprietà della Municipalità di Telsiai, situata a Nord Ovest della città.
Attualmente, alcuni edifici sono in uso alla Polizia locale, altri adibiti a magazzini o aree di parcheggio, mentre la restante parte è inutilizzata. L’idea principale è quella di riconvertire il sito in uno spazio per nuove aree di industria leggera. Nel febbraio scorso, il Comune ha approvato il nuovo Piano urbanistico riguardante i collegamenti stradali e gli spazi all’aperto. Il dibattito, che coinvolge attivamente la comunità locale, ha portato al progetto di destinare una quota dell’area in questione alle attività legate a MAPS, con un approccio partecipativo che segua le linee generali del locale Piano strutturale comunale. Tra i componenti del Gruppo Locale URBACT di Telsiai, infatti, sono numerosi gli stakeholders che hanno preso parte anche allo sviluppo del Piano strategico “Telsiai 2016-2022”.

 

Cartoline da… Serres
Tutti “al verde” con l’EcoFestival

La ex base militare di Serres Stratopedo Papalouka ha ospitato, dal 5 all’8 giugno scorsi, la sesta edizione dell’Eco Festival, avviato in concomitanza con la Giornata mondiale dell’Ambiente e organizzato dal Comune di Serres. Molte le attività proposte dalle diverse associazioni coinvolte, con focus sulla sostenibilità (riciclo, trattamento dei rifiuti, energie rinnovabili – per citare solo alcuni temi), laboratori artistici, educativi e culturali che hanno insegnato, ad esempio, a creare opere d’arte utilizzando materiale di scarto, a costruire un sistema solare domestico o… un nido per uccelli!
Il network di MAPS è sempre felice di diffondere queste notizie: significa che un altro ex complesso militare, anziché restare in disuso, viene restituito alla collettività per la fruizione pubblica.

 

Cartoline da… Koblenz
“MAPS porta la città nel futuro”

Sono le parole del Ministro tedesco per lo Sviluppo Urbano Barbara Hendriks e del Ministro di Stato per gli Affari Interni Roger Lewentz, pronunciate in occasione della recente visita a Koblenz dove Thomas Hammann, project manager del Comune, li ha informati della situazione dell’ex area militare Fritsch-Kaserne e della partecipazione al progetto europeo.
I rappresentanti del Governo hanno garantito il loro supporto per la rigenerazione dell’area, mostrando grande interesse per il programma URBACT e definendo MAPS un’opportunità importante nel processo per la riappropriazione di questo storico patrimonio militare da parte della comunità locale.

 

Nel cuore dell’Europa
Il Segretario di Stato per gli Affari Europei Heike Raab, invitata dal sindaco di Koblenz Joachim Hofmann-Goettig, ha fatto visita all’ufficio per lo Sviluppo Economico e l’Europa nella municipalità tedesca. Oliver Hoffmann, referente per gli Affari Internazionali, ha colto l’occasione per presentare il progetto MAPS, condividendo l’entusiasmo per i proficui risultati che la città attende dalla partecipazione al network URBACT.

A presto…
Se non desiderate più ricevere la nostra newsletter, potete scrivere a elisabetta.morni@comune.piacenza.it con una semplice richiesta: “CANCELLAMI”. Se, al contrario, qualcuno volesse iscriversi, l’indirizzo è sempre lo stesso, specificando nell’oggetto: “REGISTRAMI”.
Chi volesse aggiornamenti più frequenti, può seguire le nostre attività su queste pagine:
Facebook: URBACT_Maps
Twitter: @URBACT_MAPS
YouTube: URBACT_MAPS

www.urbact.eu/maps

16/05/2017 - 22/06/2016