DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Stati generali della ricerca Piacenza

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Ricerca veloce
Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / temi / sociale / Sportelli InformaSociale / Sportello Antidiscriminazione

Sportello Antidiscriminazione

I punti della rete regionale contro le discriminazioni offrono ascolto, orientamento e supporto e previo appuntamento, è possibile segnalare un caso di discriminazione di cui si è stati vittime o testimoni.


attenzioneDal 20 luglio al 31 agosto lo sportello InformaSociale di via Taverna 39 sarà chiuso il sabato.


 

Sede:
via Taverna 39, 29121 – Piacenza
tel: 0523 492731
e-mail: informasociale@comune.piacenza.it
orari: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30; lunedì e giovedì dalle 15.30 alle 17.30

Lo Sportello Antidiscriminazione del Comune di Piacenza ha sede presso l'InformaSociale di via Taverna, è un nodo di raccordo della rete di sportelli del Centro regionale contro le discriminazioni, avviato ufficialmente il 26 gennaio 2007 da parte di una serie di soggetti pubblici e privati.

Svolge le seguenti funzioni:

  • Orientamento e consulenza.
  • Raccoglie le segnalazioni, individua e suggerisce gli strumenti più idonei per fronteggiare il caso, dialogando, se opportuno, con le istituzioni interessate.
  • Promozione di attività di sensibilizzazione e promozione.


Chi può richiedere il servizio
Chi è vittima o testimone di una discriminazione.


Altre informazioni
Chi intende segnalare un caso di discriminazione si può rivolgere anche al numero verde gratuito 800.90.10.10 nazionale, gestito da  UNAR - Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali. Ad UNAR è possibile segnalare anche eventi discriminatori connessi alla disabilità, all'età, alla religione, all'orientamento sessuale e all'identità di genere.

Per saperne di più



Regione Emilia-Romagna - contro le discriminazioni
Dipartimento per le Pari Opportunità

19/08/2019 - 12/04/2018

torna alla homepage della sezione Informasociale
Sportello di orientamento ai servizi socio-sanitari