DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Stati generali della ricerca Piacenza

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / temi / sicurezza / Polizia Municipale / altre info sulla PM / storia della PM

Storia del Corpo di Polizia Municipale di Piacenza

La storia del Corpo Polizia Municipale inizia il 16 giugno del 1821 quando Maria Luigia Principessa Imperiale ed Arciduchessa d'Austria, Duchessa di Parma e Piacenza firmò la "Risoluzione Sovrana riguardante la Polizia generale dei Ducati" con la quale le funzioni della Polizia Generale si separarono da quelle della Polizia Comunale che diventò così il "Corpo delle Guardie Comunali".

foto storicauniforme d'epocaLa storia del Corpo Polizia Municipale inizia il 16 giugno del 1821 quando Maria Luigia Principessa Imperiale ed Arciduchessa d'Austria, Duchessa di Parma e Piacenza firmò la "Risoluzione Sovrana riguardante la Polizia generale dei Ducati" con la quale le funzioni della Polizia Generale si separarono da quelle della Polizia Comunale che diventò così il "Corpo delle Guardie Comunali".

Il Decreto prevedeva che gli incaricati della Polizia Comunale, così come le rispettive Guardie, avrebbero avuto divise differenti da quelle della Polizia Generale. Una disposizione che non ebbe seguito fino al 1832, anno nel quale fu autorizzata la spesa invitando nel contempo "a voler utilizzare un panno di colore più chiaro per distinguere maggiormente la divisa delle Guardie Comunali da quelle dei Dragoni Ducali".

Fin dall'inizio i compiti della Polizia Comunale riguardarono il mantenimento del buon ordine e della quiete pubblica.
Una particolare attenzione fu dedicata al controllo dei forestieri avendo cura che fossero rispettate le scadenze dei "permessi di soggiorno"; la Polizia Comunale aveva il compito di trasmettere ogni giorno alla Direzione Generale una nota di tutti i forestieri entrati ed usciti nonchè di quelli che pernottavano in città.

Con il 1861 e l'Unità d'Italia, la storia del Corpo va a fondersi con quella del resto della penisola, pur conservando un forte attacamento alle radici.
Nel 1861 le Guardie Comunali diventarono dunque Guardie Reali, denominazione che mantengono fino al 1948 quando, con l'avvento della Repubblica, cambiarono il nome in Polizia Municipale.

La Polizia Municipale o "Vigili Urbani" per utilizzare un termine d'uso comune, svolge oggi numerosi compiti e fra questi, ad esempio, il controllo del rispetto delle regole per la circolazione stradale, delle norme sul commercio, in materia ambientale ed edilizia, la presenza alle manifestazione e cerimonie pubbliche, la Polizia di prossimità, il mantenimento dell'ordine pubblico e la custodia del gonfalone comunale.


San Sebastiano, patrono della Polizia municipale

 

 

SAN SEBASTIANO MANTEGNA OK
Il Santo Patrono della Polizia Municipale è San Sebastiano Martire, comandante dei pretoriani vissuto attorno al 300 d.c. e condannato a morte dall'Imperatore romano Diocleziano.
Sebastiano, comandante di quella che all'epoca svolgeva il ruolo di polizia urbana, i pretoriani, era una persona molto impegnata nell'assistenza e nell'aiuto di poveri e bisognosi in virtù dei principi della fede cristiana a cui fu istruito.
In questo contesto, forte del suo ruolo, poté sostenere i cristiani incarcerati, provvedere alla sepoltura dei martiri e diffondere il cristianesimo tra i funzionari e i militari di corte, approfittando della propria carica imperiale.
Scoperto mentre dava sepoltura ai Quattro Coronati, i santi Claudio, Nicostrato, Castoro e Simproniano, fu sottoposto ad un processo sommario e condannato a morte mediante il supplizio delle frecce.

Durante la notte, i cristiani che si recarono nel campo a recuperare la salma per darvi sepoltura si accorsero che Sebastiano era ancora vivo e così lo prelevarono e si presero cura di lui.

Ritornato in salute, dopo le cure di una nobile romana, per testimoniare la propria fede, si recò nel tempio di Ercole dove l'Imperatore Diocleziano stava ufficiando un rito pubblico. Arrestato e condotto all'Ippodromo del Palatino, fu ucciso a bastonate, una delle forme più umilianti di pena capitale all'epoca usata solo per gli schiavi.

Il culto di San Sebastiano è stato grandissimo fino al XVI secolo in molte località del mondo occidentale, dove fu assunto Santo protettore di molte corporazioni.

Attualmente, in Italia, è il santo patrono della Polizia Municipale.

La festività si celebra il 20 gennaio, giorno del martirio.

Ogni anno, la celebrazione della festa del Patrono è l'occasione per illustrare l'attività svolta dalla Polizia Municipale e premiare gli agenti che si sono particolarmente distinti in operazioni di servizio.

18/08/2017 - 01/06/2016

Polizia municipale home