DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Tu sei qui: Home / Temi / Salute / coronavirus / Tari, prima rata al 30 giugno

Tari, prima rata al 30 giugno

27/3 - La scadenza del pagamento della prima rata Tari, relativa all’anno 2020, slitta dal 30 aprile al 30 giugno 2020, con conseguente differimento al 30 giugno anche del termine di pagamento in un’unica soluzione.

 

Oggetto: Tari; il Comune fa slittare il pagamento della prima rata al 30 giugno
La scadenza del pagamento della prima rata Tari, relativa all’anno 2020, slitta dal 30 aprile al 30 giugno 2020, con conseguente differimento al 30 giugno anche del termine di pagamento in un’unica soluzione. Lo ha stabilito la Giunta comunale che ha approvato apposita delibera “al fine di aiutare i propri cittadini a fronteggiare la situazione di grave disagio a seguito dell’emergenza epidemiologica COVID_2019”.
“L’emergenza epidemiologica COVID-2019 – si legge nel testo - rientra tra le situazioni di eccezionale gravità (normate dall’articolo 27, comma 8 del regolamento comunale) per le quali la Giunta può differire i termini di versamento della TARI, in quanto le restrizioni introdotte per la salvaguardia della salute dei cittadini e la sospensione di molte attività economiche stanno provocando un indebolimento dell’economia della città con ricadute sull’intero tessuto socio-economico e sulla liquidità finanziaria di famiglie, lavoratori ed imprese”.
La deliberazione verrà ora trasmessa al Servizio Entrate e al soggetto incaricato della predisposizione ed invio degli avvisi di pagamento TARI 2020 (IREN AMBIENTE S.P.A.) per le attività consequenziali di propria competenza, compresa la diffusione delle disposizioni del presente atto tramite i vari canali informativi.


La scadenza del pagamento della prima rata Tari, relativa all’anno 2020, slitta dal 30 aprile al 30 giugno 2020, con conseguente differimento al 30 giugno anche del termine di pagamento in un’unica soluzione. Lo ha stabilito la Giunta comunale che ha approvato apposita delibera “al fine di aiutare i propri cittadini a fronteggiare la situazione di grave disagio a seguito dell’emergenza epidemiologica COVID_2019”.“L’emergenza epidemiologica COVID-2019 – si legge nel testo - rientra tra le situazioni di eccezionale gravità (normate dall’articolo 27, comma 8 del regolamento comunale) per le quali la Giunta può differire i termini di versamento della TARI, in quanto le restrizioni introdotte per la salvaguardia della salute dei cittadini e la sospensione di molte attività economiche stanno provocando un indebolimento dell’economia della città con ricadute sull’intero tessuto socio-economico e sulla liquidità finanziaria di famiglie, lavoratori ed imprese”.La deliberazione verrà ora trasmessa al Servizio Entrate e al soggetto incaricato della predisposizione ed invio degli avvisi di pagamento TARI 2020 (IREN AMBIENTE S.P.A.) per le attività consequenziali di propria competenza, compresa la diffusione delle disposizioni del presente atto tramite i vari canali informativi.