DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Stati generali della ricerca Piacenza

Ricerca veloce
Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / Argomenti / Salute / coronavirus / Cosap, emergenza Covid-19

Cosap, emergenza Covid-19

4/01 - Concessione gratuita di suolo pubblico per i pubblici esercizi prorogata fino al prossimo 31 marzo.

Gennaio 2021

La delibera di Giunta del 4 gennaio 2021 stabilisce che "le nuove occupazioni o gli ampliamenti degli spazi esterni delle imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della Legge n. 287/91 richiesti sulla base dei criteri previsti dalle delibere di Giunta Comunale  n.95 del 22/05/2020 e n.109 del 12/06/2020, siano consentiti in via emergenziale sino al 31 marzo 2021".
Inoltre, “che le occupazioni di suolo pubblico concesse alle imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della Legge n. 287/91, sulla base dei criteri previsti dalle delibere di Giunta Comunale n.95 del 22/05/2020 e n.109 del 12/06/2020, vengano   automaticamente prorogate al 31 marzo 2021. La proroga non comporta la necessità di presentare alcuna domanda e di rilasciare alcun provvedimento da parte del Comune”.

Le occupazioni sono esonerate dal pagamento del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (canone che entra in vigore il 1° gennaio 2021 in sostituzione del canone COSAP) ai sensi dell’art. 9-ter del D.L. n. 137 del 28 ottobre 2020, convertito dalla Legge n. 176 del 18 dicembre 2020.
Le imprese di pubblico esercizio interessate (di cui all’art. 5 della Legge n. 287/91) sono:
a) ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari;
b) bar, caffè, gelaterie, pasticcerie, gastronomie e prodotti similari;
c) esercizi di cui alle lettere a) e b),in cui la somministrazione di alimenti e bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, sale da gioco, locali notturni ed esercizi similari;
d) esercizi di cui alla lettera b), nei quali è esclusa la somministrazione di bevande alcooliche di qualsiasi gradazione.

 

 


 

Dicembre 2020

L’art. 9-ter, comma 2, della Legge 18 dicembre 2020 n. 176 ha prorogato l’esonero dal pagamento del canone di occupazione di suolo pubblico dal 1° gennaio al 31 marzo 2021 per le imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della Legge n. 287/91, titolari di concessioni di occupazione di suolo pubblico.
Le imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della Legge n. 287/91 sono:
a) ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari;
b) bar, caffè, gelaterie, pasticcerie, gastronomie e prodotti similari;
c) esercizi di cui alle lettere a) e b),in cui la somministrazione di alimenti e bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, sale da gioco, locali notturni ed esercizi similari;
d) esercizi di cui alla lettera b), nei quali è esclusa la somministrazione di bevande alcooliche di qualsiasi gradazione.

A far data dal 1° gennaio 2021 e fino al 31 marzo 2021, le domande di nuove concessioni per l'occupazione di suolo pubblico o di ampliamento delle superfici gia' concesse (c.d. concessioni temporanee Covid-19) sono presentate in via telematica all'ufficio competente dell'Ente Locale, con allegata la sola planimetria e senza l’applicazione dell’imposta di bollo.

Ottobre 2020
COSAP - emergenza Covid – 19
Misure riferite al pagamento del canone Cosap anno 2020 - esoneri
Con Delibera di Giunta Comunale n. 184 del 24/09/2020, l’Amministrazione ha stabilito di esonerare dal pagamento del canone Cosap dal 12 marzo al 30 aprile 2020 le imprese di pubblico esercizio e le attività artigianali titolari di concessioni di suolo pubblico, per tener conto del mancato utilizzo dello spazio esterno con dehors o altri arredi durante il periodo del lockdown. Per il periodo dal 1 maggio al 31 dicembre 2020 l’esonero dal canone COSAP è stato disposto dall’art. 181 del Decreto Legge n. 34/2020.

Settembre 2020
COSAP – emergenza Covid – 19
Ulteriore differimento delle scadenze di pagamento per le occupazioni permanenti di suolo pubblico anno 2020.
Con Delibera di Giunta Comunale n. 165 del 14/09/2020, l’Amministrazione Barbieri ha stabilito di rinviare, per il solo anno 2020, le scadenze di pagamento della 2^ e 3^ rata del Canone Cosap relativo alle occupazioni permanenti di suolo pubblico al 30 novembre 2020, mantenendo invariata la scadenza della 4^ rata alla data medesima.

>> SCADENZE


SONO ESENTI dal pagamento del canone di occupazione di suolo pubblico (COSAP) fino al 31 ottobre 2020 le nuove occupazioni e gli ampliamenti dei dehors dei pubblici esercizi di somministrazione realizzati con arredi mobili (sedie, tavoli, ombrelloni) secondo i criteri di cui alla Delibera di Giunta Comunale n. 95 del 18 maggio 2020.
Per la presentazione della domanda ci si può rivolgere alle principali Associazioni di Categoria dei Commercianti.

modulo da compilareModulo di domanda on line

Delibera n. 95 del 18 maggio 2020 “ Criteri per nuove occupazioni e ampliamenti dei dehors dei pubblici esercizi di somministrazione durante l’emergenza COVID-2019


E' stata deliberata una RIDUZIONE del canone di occupazione del suolo pubblico (COSAP) in misura proporzionale alla durata della sospensione delle attività, per gli operatori commerciali titolari di posteggio nei mercati sospesi.

(Delibera di Giunta Comunale n. 65 del 27 febbraio 2020)


L’art. 181 del Decreto Rilancio (Dl 34/2020) esonera dal pagamento del canone di occupazione del suolo pubblico (COSAP) dal 1° maggio al 31 dicembre 2020 le imprese di pubblico esercizio di cui all’art. 5 della Legge n. 287/91, titolari di concessioni di occupazione di suolo pubblico.

Rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 5 della Legge n. 287/91:

a) esercizi di ristorazione, per la somministrazione di pasti e di bevande, comprese quelle aventi un contenuto alcoolico superiore al 21 per cento del volume, e di latte (ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie ed esercizi similari);

b) esercizi per la somministrazione di bevande, comprese quelle alcooliche di qualsiasi gradazione, nonche' di latte, di dolciumi, compresi i generi di pasticceria e gelateria, e di prodotti di gastronomia (bar, caffe', gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari);

c) esercizi di cui alle lettere a) e b), in cui la somministrazione di alimenti e di bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago, in sale da ballo, sale da gioco, locali notturni, stabilimenti balneari ed esercizi similari;

d) esercizi di cui alla lettera b), nei quali e' esclusa la somministrazione di bevande alcooliche di qualsiasi gradazione.

Contenuti correlati
criteri dehors - emergenza covid