DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Tu sei qui: Home / temi / salute / coronavirus / Limitazioni per i mercati

Limitazioni per i mercati

23/3 - Sospesa l’attività dei mercati rionali fino al 3 aprile; possibile la consegna a domicilio per i mercati rionali e l’attività all’ingrosso per il mercato ortofrutticolo. 13/3 - Chiusi tutti i giorni i mercati cittadini e il mercato contadino.

lunedì 23 marzo

Nuove misure di prevenzione emanate dalla Regione, sospesa l’attività dei mercati rionali fino al 3 aprile. Possibile la consegna a domicilio per i mercati rionali e l’attività all’ingrosso per il mercato ortofrutticolo.

In attuazione dell’ordinanza emanata dalla Regione Emilia Romagna sabato 21 marzo, mirata a rafforzare le misure di prevenzione e contenimento della diffusione del virus Covid-19, fino al 3 aprile compreso è sospesa l’attività dei mercati alimentari rionali di piazza Casali e via Alberici, nonché l’attività di vendita al dettaglio del mercato ortofrutticolo, che potrà tuttavia proseguire, nello stesso periodo, nel servizio all’ingrosso.
E’ contestualmente consentita, per gli operatori dei due mercati rionali cittadini, la possibilità di effettuare la consegna a domicilio dei prodotti alimentari, nel rispetto delle normative igienico-sanitarie e delle prescrizioni sancite dai decreti ministeriali in vigore.

 


 

13 marzo 2020

In seguito ad approfondimenti legati all'entrata in vigore del dpcm 11 marzo 2020 è emersa la necessità di chiusura dei mercati cittadini (Farnesiana - martedì e giovedì - Piazza Duomo/Piazza Cavalli - mercoledì e sabato - Besurica - sabato) e del mercato contadino (lunedì e venerdì), anche per i posteggi alimentari e per tutti i giorni della settimana.
L'art. 1 comma 1 del dpcm 11 marzo 2020 prescrive infatti che sia garantita a cura del titolare la distanza di sicurezza  ( art. 1 comma 1 lettera r del DPCM 8 marzo), pena la chiusura dell'esercizio.
Poiché, come noto tali mercati si tengono su area pubblica, non delimitata, di libero accesso e non gestibile dal titolare relativamente al rispetto delle distanza di mt.1, come prescritto dalla norma,  non sussistono le condizioni per garantire che su detti spazi pubblici, adiacenti i posteggi, siano rispettate le misure di contenimento del rischio sanitario.

 


    > Coronavirus - approfondimenti