DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Tu sei qui: Home / Temi / Salute / coronavirus / Coronavirus, sospensione dei versamenti fiscali e contributivi

Coronavirus, sospensione dei versamenti fiscali e contributivi

17/3 - Con il decreto-legge del 17 marzo il Governo ha introdotto una serie di norme che prevedono uno stanziamento con l’effetto di sospendere tributi e contributi per complessivi 10,7 miliardi di euro.

17 marzo

Con il decreto-legge appena approvato il Governo ha introdotto una serie di norme che prevedono uno stanziamento complessivo di 2,4 miliardi di euro, con l’effetto di sospendere tributi e contributi per complessivi 10,7 miliardi di euro. Viene stabilito il differimento delle scadenze e la sospensione dei versamenti fiscali e contributivi (per tutte le imprese di piccola dimensione e senza limiti di fatturato per le imprese operanti nei settori più colpiti); della riscossione e invio delle cartelle esattoriali; degli atti di accertamento e dei pagamenti dovuti per i diversi provvedimenti di sanatoria fiscale. Inoltre, il decreto prevede un credito di imposta per il proprietario di locali commerciali che rinuncia a parte dell’affitto del mese di marzo. Sempre in ambito fiscale è stato incentivato, mediante l’estensione delle detrazioni/deduzioni, il contributo del settore privato al finanziamento del contrasto dell’epidemia e delle cure sanitarie.

continua su http://www.mef.gov.it/covid-19/Sospensione-dei-versamenti-fiscali-e-contributivi/



 

13 marzo 2020 Ore 18.40

Ministero dell'Economia e delle Finanze  - Ufficio Stampa - Comunicato n.50 - Roma


Coronavirus: prorogati termini versamenti fiscali 16 marzo, nuove scadenze e sospensioni in prossimo decreto legge

I termini relativi ai versamenti previsti al 16 marzo saranno differiti con una norma nel decreto legge di prossima adozione da parte del Consiglio dei Ministri, relativo alle misure per il contenimento degli effetti dell'epidemia di Covid-19.

Il decreto legge introdurrà anche ulteriori sospensioni dei termini e misure fiscali a sostegno di imprese, professionisti e partite IVA colpite dagli effetti dell’emergenza sanitaria.

http://www.mef.gov.it/