DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Tu sei qui: Home / temi / salute / coronavirus / Coronavirus, le limitazioni in vigore

Coronavirus, le limitazioni in vigore

4/4 Nuova ordinanza regionale. 3/4 - Prorogate al 13 aprile tutte le misure ulteriormente restrittive in regione. 1/4 - Nuovo Dpcm. 26/3 - Nuovo modulo per spostamenti.

👉 le misure in Emilia-Romagna
👉
le misure adottate dal Governo


sabato 4 aprile

Comunicato Regione Emilia-Romagna
Ordinanza firmata dal presidente Bonaccini: in Emilia-Romagna restano chiusi i parchi pubblici, no a spostamenti e bici se non per motivi di salute e lavoro, niente passeggiate e jogging.
👉 continua sul sito della Regione Emilia-Romagna

 


venerdì 3 aprile - ore 22

 

Ordinanza Speranza-Bonaccini: in Emilia-Romagna prorogate al 13 aprile tutte le misure ulteriormente restrittive
Tra le misure, invariate le disposizioni per supermercati, medie e grandi strutture di vendita con aperture, nei prefestivi, consentite solo a farmacie, parafarmacie, edicole, tabacchi e punti vendita generi alimentari, prodotti per l’igiene personale e la pulizia della casa e articoli di cartoleria. Sospese nei festivi, ad esclusione di farmacie e parafarmacie, tutte le attività di commercio al dettaglio e all’ingrosso, comprese le attività di vendita di prodotti alimentari, sia nell’ambito degli esercizi di vicinato che delle medie e grandi strutture di vendita, anche quelli ricompresi nei centri commerciali o nelle gallerie commerciali.
👉 continua sul sito della Regione Emilia-Romagna

👉 domande frequenti sulle disposizioni per i territori delle province di Rimini e Piacenza sul sito regionale


mercoledì 1 aprile

Dpcm 1 aprile 2020
Il Presidente Conte ha firmato il dpcm che prolunga fino al 13 aprile le misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.
👉 continua sul sito del Governo Italiano

No alle passeggiate con bambini
I sindaci piacentini, fermi e uniti, precisano: “No alle passeggiate con i minori sul nostro territorio, per non vanificare i sacrifici fatti finora”. In vigore nella nostra provincia i provvedimenti regionali più restrittivi.


venerdì 27 marzo
comunicato Regione Emilia-Romagna

Coronavirus. Centri commerciali e negozi, in Emilia-Romagna sabato e domenica confermate le misure restrittive in vigore
Domani, sabato 28 marzo, chiuse medie e grandi strutture di vendita e gli esercizi all'interno, fatta eccezione per farmacie, parafarmacie e punti vendita alimentari. Dopodomani, domenica 29 marzo, chiusi anche tutti gli alimentari. Mentre ogni tipo di mercato è chiuso sempre, in ogni giorno. La circolare emanata oggi dal ministero dell'Interno non trova applicazione nella nostra regione

Bologna – In Emilia-Romagna, nella giornata di domani, sabato 28 marzo, le medie e grandi strutture di vendita, nonché i negozi presenti all’interno dei centri commerciali, sono chiusi, ad esclusione delle farmacie, delle parafarmacie e dei punti vendita di alimentari.
Domenica 29, invece, tutti gli esercizi commerciali e i punti vendita alimentari, di qualsiasi dimensione essi siano, restano chiusi.
Va infine ricordato che qualsiasi mercato, di qualunque tipologia merceologica, è sempre chiuso. In ogni giorno.
Queste limitazioni, che valgono per l’Emilia-Romagna ai sensi delle due ordinanze regionali assunte il 14 e il 21 marzo scorsi, risultano nell’insieme più restrittive della disciplina nazionale.
In questo senso, anche l’ultima circolare del ministero dell’Interno emanata oggi sulle attività di vendita consentite nel fine settimana, non trova applicazione in Emilia-Romagna.

https://www.regione.emilia-romagna.it/


giovedì 26 marzo

Spostamenti: aggiornato il modulo per l'autodichiarazione alla luce delle ultime misure adottate per il contenimento della diffusione del virus Covid-19. Il modulo è disponibile on line sul sito del Ministero dell'Interno.
👉 certificati Il nuovo modulo per gli spostamenti (collegamento al sito del Ministero dell'Interno)


mercoledì 25 marzo

Il Consiglio dei Ministri n. 38 ha approvato un decreto-legge (Decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19 pubblicato nella GU Serie Generale n.79 del 25/03/2020) che introduce misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Il decreto prevede che, al fine di contenere e contrastare i rischi sanitari e il diffondersi del contagio, possano essere adottate, su specifiche parti del territorio nazionale o sulla totalità di esso, per periodi predeterminati, ciascuno di durata non superiore a trenta giorni, reiterabili e modificabili anche più volte fino al termine dello stato di emergenza, fissato al 31 luglio 2020 dalla delibera assunta dal Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020, una o più tra le misure previste dal decreto stesso. L’applicazione delle misure potrà essere modulata in aumento ovvero in diminuzione secondo l’andamento epidemiologico del predetto virus, una o più tra le misure previste dal decreto stesso, secondo criteri di adeguatezza specifica e principi di proporzionalità al rischio effettivamente presente.
👉 ulteriori informazioni sul sito della Presidenza Consiglio dei Ministri


martedì 24 marzo

Sono disponibili online sul sito della Regione Emilia Romagna:
- il testo del Decreto del Presidente della Giunta regionale n. 48 del 24 marzo 2020 che ha aggiornato le misure restrittive per i territori della provincia di Piacenza e di Rimini fino al 3 aprile.
- le domande frequenti sulle disposizioni per il territorio di Piacenza in base al suddetto decreto
👉 continua sul sito della Regione Emilia Romagna


lunedì 23 marzo h. 21.30
Comunicato Regione Emilia - Romagna
Ulteriori misure restrittive per l’intero territorio della provincia di Piacenza, nuova ordinanza del presidente Bonaccini: sospensione delle attività economiche e rafforzamento delle misure per garantire contenimento e distanziamento sociale. Potranno proseguire solo le attività economiche essenziali e quelle che garantiranno rigide misure di sicurezza interne per prevenire il contagio. Provvedimento condiviso dai sindaci della provincia e dal Prefetto di Piacenza, anche oggi riuniti in due videoconferenze con la Regione
.


lunedì 23 marzo
Nuovo modello per spostamenti
È​ disponibile on line sul sito del Ministero dell'Interno il nuovo modello di autodichiarazione per gli spostamenti, modificato sulla base delle nuove disposizioni introdotte dal dpcm 22 marzo 2020


domenica 22 marzo

Dpcm 22 marzo 2020
Il Presidente Conte ha firmato il dpcm che introduce ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.

👉 continua sul sito del Governo Italiano

Ordinanza del Ministro della Salute e del Ministro dell'Interno
Ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio sull'intero territorio nazionale. Da oggi è fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute.
👉 continua sul sito del  Ministero della Salute


sabato 21 marzo

Supermercati chiusi la domenica, a partire dal 22 marzo. Nuova ordinanza firmata dal presidente Bonaccini
Escluse farmacie e parafarmacie. Sospesi anche tutti i mercati, mercatini e fiere e i punti vendita di alimentari al loro interno.
Chiusi al pubblico i cimiteri comunali, garantiti comunque i servizi di trasporto, ricevimento, inumazione, tumulazione e cremazione
👉 continua sul sito regionale


venerdì 20 marzo

Ordinanza del ministro Speranza con nuove restrizioni per fermare il contagio
Dal divieto di accesso ai parchi all'attività motoria solo in prossimità della propria abitazione
👉 continua sul sito del Ministero della Salute


giovedì 19 marzo marzo

Nuova ordinanza regionale
Chiusi parchi e giardini pubblici, passeggiate solo in prossimità della propria abitazione e uso della bici unicamente per lavoro e necessità reali
Limitati anche gli spostamenti a piedi. Chiusi bar e tavole calde nelle aree di servizio e rifornimento carburante dentro ai centri urbani, aperti solo sulle principali vie di comunicazione o solo dalle 6 alle 18 lungo le strade extraurbane secondarie, ma sempre fuori dalle aree abitate. Le misure in vigore da oggi al 3 aprile
👉
continua sul sito della Regione Emilia Romagna


martedì 17 marzo

È online sul sito del Ministero dell'Interno il nuovo modello di autodichiarazioni in caso di spostamenti che contiene una nuova voce con la quale l'interessato deve autodichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall'art. 1, comma 1, lett. c) del D.P.C.M. 8 marzo 2020 che reca un divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus "COVID-19".


martedì 17 marzo - Comunicato stampa Regione Emilia Romagna
Coronavirus. Nuove riduzioni per treni e bus in Emilia-Romagna dal 18 al 25 marzo.
👉
continua sul sito della Regione Emilia Romagna


sabato 14 marzo 2020 ore 21:06   - Comunicato stampa Regione Emilia Romagna
Coronavirus. Nuova ordinanza del presidente Bonaccini
: misure su supermercati, take-away, servizi artigiani per la casa e le auto, sanità privata e strutture alberghiere
👉 continua sul sito della Regione Emilia Romagna


venerdì 13 marzo

Nuove limitazioni per i mercati
Saranno chiusi tutti i giorni della settimana i mercati cittadini e il mercato contadino anche per i posteggi alimentari.


giovedì 12 marzo ore 20 - comunicato Regione Emilia Romagna
👉 ridotte le corse dei bus e dei treni regionali


Dpcm 11 marzo 2020
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo Dpcm recante ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 sull'intero territorio nazionale. Chiusi bar, negozi e ristoranti. Aperti farmacie, alimentari, tabaccai e edicole. Garantiti i trasporti.
Le disposizioni del nuovo decreto producono effetto dalla data del 12 marzo 2020 e sono efficaci fino al 25 marzo 2020.

👉 il testo del Dpcm 11 marzo 2020 (collegamento a www.governo.it)


11 marzo 2020


Dpcm 9 marzo 2020
Il Dpcm 9 marzo 2020 estende le misure di cui all'art. 1 del Dpcm 8 marzo 2020 a tutto il territorio nazionale. È inoltre vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico ed  è modificata la lettera d dell'art.1 del Dpcm 8 marzo 2020 relativa agli eventi e manifestazioni sportive. Tali disposizioni producono effetto dalla data del 10 marzo 2020 e sono efficaci fino al 3 aprile 2020.

Successivamente il 10 marzo il Presidente della Regione Emilia Romagna ha firmato un'ordinanza che dispone ulteriori limitazioni sul territorio regionale tra cui la sospensione delle attività dalle ore 18 alle ore 6 non solo di bar e ristoranti, ma anche di pizzerie al taglio, piadinerie, tigellerie, kebab, gelaterie, ecc., la disposizione che queste attività, insieme a bar e ristoranti, siano sospese nei week end, la possibilità di consegna a domicilio ma non di asporto. Prevista inoltre la chiusura dei mercati tutti i giorni della settimana, con l'esclusione dei banchi alimentari laddove assicurino la distanza minima tra le persone.

👉 il Dpcm 9 marzo su Gazzetta Ufficiale e in formato PDF - la notizia su www.governo.it contenente il testo del decreto
👉 il Dpcm 8 marzo su Gazzetta Ufficiale e in formato pdf

👉 le risposte alla domande frequenti - FAQ - su www.governo.it

👉 Ordinanza regionale del 10 marzo sul sito della Regione Emilia Romagna  https://www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus


 

👉 Le misure in Emilia-Romagna ( http://www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus)

👉 sito Governo italiano  http://www.governo.it


freccia proseguiealtri approfondimenti sul tema