DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Restiamo civili e umani

Invito a rispettare l'ambiente della Biblioteca di Strada.

la Biblioteca di strada è nata come luogo di ritrovo e presidio sul territorio. Continua ad esserlo, come angolo tranquillo dove sedersi a qualsiasi ora per fare quattro chiacchiere o riposarsi dagli stress della giornata, ma anche come cuore pulsante di tante attività, incontri e laboratori che offrono a tutti l’opportunità di imparare qualcosa insieme agli altri.Purtroppo, soprattutto a tarda sera e nelle prime ore della notte, accade che il comportamento incivile di qualcuno violi questo spazio dedicato al ritrovo e allo stare insieme, che a noi piace considerare un bene collettivo.Trovare oggetti rotti, avanzi di cibo, carte e bottiglie abbandonate, non solo fa male al cuore per la fiducia concessa – e non meritata – ma costringe i volontari, motore e creatori di questo patrimonio comune, a occuparsi delle pulizie e del riordino anziché dedicarsi ad attività creative e ricreative a beneficio di tutti.Le modalità barbariche, i saccheggi ci demotivano e ci rattristano. Un luogo che appartiene a tutti dovrebbe avere il rispetto di tutti, e tutti dovrebbero sentire il dovere di tenerlo in ordine e curarlo, in ogni ora del giorno e della notte: sedie rimesse a posto, carta, vetro e lattine negli appositi contenitori, mozziconi di sigarette nei portacenere, che poi vanno svuotati come le persone educate e civili dovrebbero fare.Perché un bene collettivo non è solo nostro, nel momento in cui lo usiamo. E’ della comunità e di tutti i cittadini che hanno diritto a usufruirne in modo dignitoso e nel decoro della pulizia.Se questi episodi continueranno a ripetersi, ci vedremo costretti a modificare le modalità di gestione e organizzazione della Biblioteca di strade nei giorni e negli orari di apertura, a discapito della possibilità di stare insieme per tutti i cittadini/e.Ci appelliamo a tutti affinchè questo luogo possa continuare ad esistere nella garanzia di un comportamento civile ed educato, difendendolo dall’inciviltà e sentendoci tutti in dovere di curarlo e averne rispetto, per sé e per gli altri.

Contenuti correlati
Restiamo civili ed umani.pdf
Emergenza sanitaria Coronavirus

Modifiche all'operatività degli uffici e ad altre attività e scadenze a causa dell'emergenza sanitaria.
> maggiori informazioni