DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Stati generali della ricerca Piacenza

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / temi / asili scuole biblioteche / attività e progetti educativi / Progetto Conciliazione vita-lavoro

Progetto Conciliazione vita-lavoro 2019

Fino al 21 marzo i gestori dei centri estivi possono aderire al progetto compilando il modulo online. Le attività saranno rivolte a bambini dai 3 ai 13 anni.


REQUISITI RICHIESTI AI GESTORI
I requisiti richiesti ai Gestori sono stabiliti dalla Regione:

  • apertura di almeno: 2 settimane consecutive, 5 giorni settimanali, 4 ore giornaliere;
  • accoglienza di almeno 20 bambini; senza discriminazioni; dei disabili certificati ai sensi della legge 104/1992 in accordo con il Comune circa le appropriate modalità di intervento e sostegno;
  • erogazione di diete speciali per le esigenze dei bambini accolti;
  • elaborazione di un progetto educativo/organizzativo che contenga le finalità, le attività, l’organizzazione degli spazi, l’articolazione della giornata, il personale utilizzato;
  • documentazione attestante un'esperienza pregressa nella gestione di centri estivi di almeno una annualità.


Ai Gestori verranno comunicati i nominativi degli aventi diritto con gli importi dei bonus per ognuno spettanti; per ogni minore beneficiario frequentante i Gestori dovranno applicare alle rette uno sconto di importo pari al contributo per ognuno indicato; la somma verrà rimborsata al Gestore previa presentazione di dettagliata rendicontazione delle frequenze effettive, al termine dell’istruttoria.

 

attenzione Rispetto allo scorso anno, la Regione ha introdotto alcune modifiche, intese in sintesi a:

  • rafforzare il sostegno economico previsto, per un massimo di 336,00 euro per ogni figlio (erano 210,00 euro nel 2018): fino a 84,00 euro a settimana (contro i 70,00 euro precedenti), per quattro settimane (tre nel 2018);

 

  • prevedere la possibilità di riconoscere il contributo per un numero superiore di settimane in caso di retta settimanale inferiore a 84,00 euro, fermo restando il contributo massimo erogabile pari a 336,00 euro;

 

  • ampliare i potenziali destinatari, in quanto potranno richiedere il contributo anche famiglie in cui uno dei genitori non lavora in quanto impegnato in modo continuativo in compiti di cura, valutati con riferimento alla presenza di componenti del nucleo familiare con disabilità grave o non autosufficienza, come definiti ai fini ISEE;

 

  • richiedere ai Gestori un’esperienza pregressa nella gestione di centri estivi di almeno una annualità (invece di due previste lo scorso anno) e l’apertura di almeno due settimane continuative.

 

A fondo pagina è pubblicato il bando con le modalità e le condizioni per partecipare e il modulo da utilizzare.