DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Tu sei qui: Home / temi / commercio artigianato imprenditoria / apertura e gestione attività / nuova attività / Modifiche introdotte dalla Legge Madia

Modifiche introdotte dalla Legge Madia

In materia di segnalazione certificata di inizio attività - SCIA. Novità per l'attività di autoriparatore.

La riforma della Pubblica Amministrazione, disciplinata dalla Legge 124/2015, - cosiddetta Riforma Madia- ha introdotto numerose modifiche in materia di segnalazione certificata di inizio attività - SCIA sia direttamente che attraverso i due decreti attuativi della riforma: Decreto legislativo 127/2016 e Decreto Legislativo 22/2016.

La nuova normativa porta a compimento il processo di riforma introdotto dal Decreto Legislativo 59/2010 che individua nel SUAP, Sportello Unico Attività Produttive l'unico sportello di front office del cittadino/impresa con la Pubblica Ammisitrazione. in conseguenza a ciò è previsto che vengano utilizzati dalle amministrazioni moduli unificati e standardizzati e per questo la Regione Emilia Romagna ha da tempo avviato un processo di revisione della modulistica degli sportelli attività produttive.

Il Decreto Legislativo 126/2016, attuativo della Riforma, prevede all'art. 3, comma 2 che "se per lo svolgimento  di  un'attivita'  soggetta  a  SCIA  sono necessarie altre SCIA, comunicazioni, attestazioni,  asseverazioni  e
notifiche, l'interessato presenta un'unica SCIA allo sportello di cui al comma  1.  L'amministrazione  che  riceve  la  SCIA  la  trasmette immediatamente alle altre  amministrazioni  interessate  al  fine  di consentire,  per  quanto  di  loro  competenza,  il  controllo  sulla sussistenza dei  requisiti  e  dei  presupposti  per  lo  svolgimento dell'attivita' e la presentazione, almeno cinque giorni  prima  della scadenza dei termini di cui all'articolo 19,  commi  3  e  6-bis,  di eventuali proposte motivate  per  l'adozione  dei  provvedimenti  ivi previsti. "

La tabella A, allegata al Decreto Legislativo 222/2016, Sezione I, Attività Commerciali e produttive al punto 9) "Autoriparatori, meccanici, carrozzerie, gommisti" prevede l'invio della SCIA al SUAP che secondo quanto previsto dall'Art. 3, comma 2 del Decreto Legislativo 126/2016 il Comune provvederà a trasmettere tempestivamente alla Camera di Commercio, per le verifiche del caso sui requisiti.

Al momento la Regione Emilia Romagna non ha predisposto la modulistica unificata relativa alla SCIA di autoriparazione, e, pertanto, solo in via provvisoria, fino alla pubblicazione della modulistica ufficiale si invita l'utenza ad utilizzare il modulo SCIA standard per l'autoriparazione approvato dalla Conferenza Stato Regioni.