DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Tu sei qui: Home / Temi / Commercio artigianato imprenditoria / apertura e gestione attività / gestione / insegne vetrine tende - installazione arredo urbano

Autorizzazione per interventi di arredo urbano: insegne, vetrine, tende, targhe

Collocazione sulle strade o in vista di esse di qualsiasi mezzo pubblicitario (cartelli pubblicitari stradali*, installazione insegne pubblicitarie e bacheche, scritte adesive su vetro o di qualsiasi natura, targhe professionali di esercizio, ecc.) che vada a interessare in maniera fisica il territorio. Gli impianti di pubblicità necessitano di autorizzazione amministrativa. Procedura online.

 

COSAP online
accedi al servizio


Ufficio a cui rivolgersi:
Punto accoglienza Tributi
U.O. Tributi - viale Beverora, 57 - primo piano telefono: 0523/492525 - e-mail: info.entrate@comune.piacenza.it

MODALITA' DI RICHIESTA:

1. compilazione e consegna del modulo presso l'Ufficio (con n. 2 marche da bollo: una sul modulo e una sull'autorizzazione) con i relativi allegati specificati nel modulo.
Esaurita la procedura d'esame, che comprende anche la richiesta di un parere all'Ufficio Viabilità e per il Centro Storico della Commissione Qualità Architettonica,  viene comunicato al richiedente, con raccomandata, il rilascio o il diniego dell'autorizzazione.
2. presentazione di apposita denuncia di installazione/esposizione alla società ICA srl, inviata per posta o consegnata a mano, per il pagamento dell'imposta sulla pubblicità (approfondimenti a fondo pagina) specificando il luogo o i luoghi di installazione, la data, la misura dei mezzi pubblicitari, se illuminati/luminosi o no, se monofacciali o bifacciali e l'eventuale numero di ruolo se si possiedono già insegne a ruolo.
Al momento del ritiro dell'autorizzazione dovrà essere presentata copia della ricevuta di versamento della relativa imposta sulla pubblicità - se dovuta - in caso contrario, copia del timbro di esenzione dall'imposta rilasciato da ICA
Per la prima installazione il pagamento deve essere effettuato in base alla frazione di anno.
Successivamente pagamento dell'imposta dovuta entro il 31 gennaio presso gli Uffici Postali utilizzando il bollettino di c/c postale prestampato inviato dalla ICA a ciascun contribuente.

Nel caso di mancato pagamento entro il 31 gennaio sono previste sanzioni (D.Lgs 507/93).

Ogni variazione alle insegne, compresa la cessazione delle stesse, dovrà essere comunicata (per posta o consegnata a mano) all'Ica.

TEMPI DEL PROCEDIMENTO:
90 giorni

* la collocazione di cartelli e mezzi pubblicitari all’interno dei centri abitati, lungo le strade o in vista di esse, deve essere specificamente richiesta al Comune che, in base all’ art. 23 del Nuovo Codice della Strada e al Regolamento per l’applicazione dell’imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni, autorizza l’esposizione.
Occorre rivolgersi al Quic - viale Beverora, 57.
E' vietato apporre volantini pubblicitari sui veicoli, sulla segnaletica stradale e sui pali dell’illuminazione pubblica.
Gli impianti pubblicitari devono essere posizionati a non meno di venti metri dalle intersezioni stradali e, in assenza di marciapiede, ad almeno tre metri dalla carreggiata o a 0,5 metri se posti parallelamente al senso di marcia, ed infine non possono essere installati ad una distanza inferiore a quaranta metri dagli altri cartelli o mezzi pubblicitari. E’ vietato collocare l’impianto pubblicitario nelle aiuole spartitraffico, sui parapetti stradali, sulle barriere di sicurezza o su altri dispositivi laterali di protezione e segnalamento.
La posa di cartelli o altri mezzi pubblicitari, senza la prescritta autorizzazione o secondo modalità difformi dalle prescrizioni normative vigenti e dal provvedimento di autorizzazione, comporta una sanzione amministrativa di 258 euro, la rimozione dei manifesti abusivi con imputazione delle spese a carico dei soggetti responsabili della pubblicità, oltre che il pagamento delle imposte evase.

16/07/2020 - 18/07/2013

Emergenza sanitaria Coronavirus

Modifiche all'operatività degli uffici e ad altre attività e scadenze a causa dell'emergenza sanitaria.
> maggiori informazioni