DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Tu sei qui: Home / temi / casa / casa - manutenzione / autorizzazioni certificati pareri / autorizzazione paesaggistica

Autorizzazione paesaggistica

Ufficio di riferimento: Settore Pianificazione Urbanistica - via Scalabrini, 11

Telefono: 0523/492238
E-Mail: manuela.corvi@comune.piacenza.it

BENI OGGETTO DI TUTELA

Sono beni oggetto di tutela gli immobili e le aree di interesse paesaggistico, tutelati dalla legge, a termini dell'articolo 142 del D.Lgs. n° 42/2004, o in base alla legge, a termini degli articoli 136, 143, comma 1, lettera d), e 157 D.Lgs. N° 42/2004.
Nel territorio comunale, sono oggetto di tutela:
- le cose immobili che hanno cospicui caratteri di bellezza naturale, singolarità geologica o memoria storica, ivi compresi gli alberi monumentali;
- le ville, i giardini e i parchi, non già diversamente tutelati dal Codice dei Beni culturali, che si distinguono per la loro non comune bellezza;
- i complessi di cose immobili che compongono un caratteristico aspetto avente valore estetico e tradizionale, inclusi i centri ed i nuclei storici;
- le bellezze panoramiche e così pure quei punti di vista o di belvedere, accessibili al pubblico, dai quali si goda lo spettacolo di quelle bellezze;
- i fiumi, i torrenti, i corsi d'acqua iscritti negli elenchi previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna;
- i parchi e le riserve nazionali o regionali, nonché i territori di protezione esterna dei parchi;
- i territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento, come definiti dall'articolo 2, Commi 2 e 6, del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 227;
- le aree assegnate alle università agrarie e le zone gravate da usi civici;
- le zone umide incluse nell'elenco previsto dal decreto del Presidente della Repubblica 13 marzo 1976, n. 448;
- le zone di interesse archeologico.
La disposizione di cui ai punti precedenti, con l'eccezione dei parchi e delle riserve nazionali e delle zone umide, non si applica alle aree che alla data del 6 settembre 1985:
o erano delimitate negli strumenti urbanistici, ai sensi del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, come zone territoriali omogenee A e B;
o erano delimitate negli strumenti urbanistici ai sensi del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, come zone territoriali omogenee diverse dalle zone A e B, limitatamente alle parti di esse ricomprese in piani pluriennali di attuazione, a condizione che le relative previsioni siano state concretamente realizzate.

INTERVENTI SOGGETTI
I proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di immobili ed aree di interesse paesaggistico, tutelati dalla legge, a termini dell'articolo 142, o in base alla legge, a termini degli articoli 136, 143, comma 1, lettera d), e 157, non possono distruggerli, né introdurvi modificazioni che rechino pregiudizio ai valori paesaggistici oggetto di protezione.

INTERVENTI NON SOGGETTI
Fatta salva l'applicazione dell'articolo 143, comma 4, lettera a) l'individuazione di aree soggette a tutela ai sensi dell'articolo 142 e non interessate da specifici procedimenti o provvedimenti ai sensi degli articoli 136, 138, 139, 140, 141 e 157, nelle quali la realizzazione di interventi può avvenire previo accertamento, nell'ambito del procedimento ordinato al rilascio del titolo edilizio, della conformità degli interventi medesimi alle previsioni del piano paesaggistico e dello strumento urbanistico comunale, non è comunque richiesta l'autorizzazione prescritta dall'articolo 146, dall'articolo 147 e dall'articolo 159:

a) per gli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l'aspetto esteriore degli edifici;

b) per gli interventi inerenti l'esercizio dell'attività agro-silvo-pastorale che non comportino alterazione permanente dello stato dei luoghi con costruzioni edilizie ed altre opere civili e sempre che si tratti di attività ed opere che non alterino l'assetto idrogeologico del territorio;

c) per il taglio colturale, la forestazione, la riforestazione, le opere di bonifica, antincendio e di conservazione da eseguirsi nei boschi e nelle foreste indicati dall'articolo 142, comma 1, lettera g), purché previsti ed autorizzati in base alla normativa in materia.

Sono altresì esclusi dall'Autorizzazione paesaggistica gli interventi individuati dall'Allegato A, di cui all'art. 2 comma 1, del DPR N° 31/2017.

MODALITÀ E TEMPI
L'Amministrazione comunale rilascia o nega l'autorizzazione entro 60 giorni dalla richiesta. Il rilascio viene comunicato agli interessati (per i quali costituirà comunicazione di avvio del procedimento ai sensi della Legge N° 241/1990) e alla Soprintendenza per i Beni architettonici e il Paesaggio di Parma e Piacenza. La Soprintendenza può annullare il provvedimento entro 60 giorni dal ricevimento.

In caso di inerzia dell'Amministrazione comunale, è possibile richiedere l'autorizzazione alla Soprintendenza per i Beni architettonici e il Paesaggio di Parma e Piacenza.

Il facsimile della richiesta di autorizzazione paesaggistica è pubblicata su questo sito nella sezione Archivi on line, Modulistica suddivisa per argomento, Ambiente e Territorio.

COSTO
La richiesta di autorizzazione paesaggistica deve essere inoltrata in marca da bollo.

INFORMAZIONI UTILI
La Relazione paesaggistica che deve accompagnare la richiesta di autorizzazione paesaggistica è definita, nei suoi contenuti dal DPCM 12 dicembre 2005. La modulistica è scaricabile a fondo pagina

DOVE
La domanda per il rilascio dell'Autorizzazione paesaggistica  si presenta esclusivamente attraverso la piattaforma telematica SUAPER . La piattaforma SUAPER è raggiungibile all'indirizzo https://accessounitario.lepida.it.
Per l'inoltro della richiesta, dopo l'autenticazione e la scelta del Comune, dovrà essere scelto il:
GRUPPO (B) INTERVENTO SUL FABBRICATO
e quindi:
Interventi in ambiti di tutela (tutela paesaggistica, rete Natura 2000 SIC-ZPS, ente parco, ecc.)
e scegliere fra:
- Domanda di Autorizzazione paesaggistica ordinaria, ai sensi dell'art. 146 D.Lgs. N° 42/2004- Domanda di Autorizzazione paesaggistica semplificata, ai sensi del DPR N° 31/2017
- Richiesta di accertamento di compatibilità paesaggistica, ai sensi art. 181 D.Lgs. N°42/2004

Nel caso di malfunzionamento della piattaforma telematica SUAPER la domanda  (scaricabile a fondo pagina) deve essere inoltrata alla PEC del SUAP:  suap@cert.comune.piacenza.it.

REFERENTE
Responsabile del procedimento: arch. Manuela Corvi.

17/01/2019 - 06/07/2017