DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Stati generali della ricerca Piacenza

Ricerca veloce
Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / Argomenti / Ambiente / cosa fa il Comune / VIA - Valutazioni di Impatto Ambientale / VIA Molini degli orti - Terre Padane - Integrazioni

VIA Molini degli orti - Terre Padane - Integrazioni

Documentazione integrativa della Procedura di VIA (VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE) relativa al progetto denominato: Accordo di programma Molini degli Orti – Consorzio Agrario di Piacenza – Ex Mercato ortofrutticolo.

  • Denominazione del progetto: “Accordo di programma “Molini degli Orti” - Consorzio Agrario di Piacenza - Ex Mercato ortofrutticolo” in variante ai vigenti strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica

  • Proponente: Consorzio Agrario Terrepadane S.c.r.l.

 

Il progetto appartiene alle seguenti categorie di cui agli Allegati A e B alla L.R. 9/1999:

B.3.4) Progetti di sviluppo di aree urbane, nuove o in estensione, interessanti superfici superiori ai 40 ha; progetti di sviluppo urbano all’interno di aree urbane esistenti che interessano superfici superiori ai 10 ha

B.3.5) Progetti di costruzione di centri commerciali di cui al decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114 (Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell’articolo 4, comma 4, della L. 15 marzo 1997, n. 59)

B.3.6) Parcheggi di uso pubblico, con capacità superiore a 500 posti auto

Il progetto è assoggettato alla procedura di VIA, ai sensi del Titolo III della L.R. 9/1999, in quanto interessa alcune delle aree individuate all’art. 4, comma 1, lett. b) della L.R. 9/1999.

 

Descrizione sintetica del progetto:

Il progetto prevede il recupero urbanistico ed edilizio e la rifunzionalizzazione delle aree e degli immobili di proprietà del Consorzio Agrario Terrepadane S.c.r.l. e di parte dell’Ex Mercato ortofrutticolo di proprietà del Comune di Piacenza, con alcuni interventi infrastrutturali esterni al comparto riguardanti aree limitrofe di proprietà pubblica. Esso, prevedendo l’eliminazione delle funzioni produttive legate alle attività del Consorzio, definisce il completo ridisegno della porzione di città che, da nucleo industriale (oggi quasi del tutto dismesso), diventa parte del tessuto urbano.

Le opere consistono nell’individuazione, all’interno del comparto di intervento, di una pluralità di funzioni diversificate ma integrate tra di loro attraverso un sistema organizzato di spazi a parcheggio e a verde pubblico, completati dal ridisegno della viabilità esistente:

  • strutture commerciali, con spazi a parcheggio e verde ed attività terziarie di supporto;

  • funzioni residenziali e terziarie integrate, con edilizia sovvenzionata, convenzionata, social housing e co-housing;

  • funzioni alberghiere/residence e spazi terziari.