DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Stati generali della ricerca Piacenza

Ricerca veloce
Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / Servizi / Servizi - Tributi / Occupazione spazi aree pubbliche / Canone mercatale

Canone mercatale

Dal 1° gennaio 2021 il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP ) dovuto dai titolari di banchi di mercato è stato sostituito e la conseguente TARI giornaliera sono stati sostituiti dal canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile destinati a mercati (CANONE MERCATALE)

Ai sensi dell’articolo 1, comma 837, della Legge n. 160/2019, dal 1° gennaio 2021 il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP ) dovuto dai titolari di banchi di mercato è stato sostituito e la conseguente TARI giornaliera sono stati sostituiti dal canone di concessione per l’occupazione delle aree e degli spazi appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile destinati a mercati (CANONE MERCATALE).

Con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 8/02/2021 è stato approvato il “Regolamento per l’applicazione del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e del canone mercatale” e con delibera di Giunta Comunale n. 25 del 19/02/2021 sono state approvate le tariffe dei nuovi canoni.

Per quanto riguarda il canone mercatale, le tariffe deliberate corrispondono alla somma dell’ex canone COSAP e della TARI giornaliera dovuti per l’anno 2020 relativamente al commercio su aree pubbliche di generi alimentati, non alimentari e al mercato contadino.
Il Regolamento e le tariffe sono scaricabili a fondo pagina.

 




Per informazioni relative al rilascio delle concessioni relative ai mercati e al canone mercatale rivolgersi
all’U.O. Marketing Territoriale – Ufficio Commercio Aree Pubbliche al numero 0523.492205/2383

NON È CONSENTITO L’ACCESSO AGLI UFFICI SE PRIVI DI APPUNTAMENTO.

 



TERMINI DI PAGAMENTO
Il canone dovuto dal titolare di concessione con posteggio fisso deve essere corrisposto in unica soluzione qualora l’importo dovuto per l’anno solare in corso sia inferiore o uguale a euro 250,00.
È ammessa la possibilità del versamento in rate trimestrali anticipate aventi scadenza 28 febbraio, 31 maggio, 31 agosto, 30 novembre, qualora l’importo del canone annuo sia superiore ad € 250,00.

Il versamento relativo alla prima annualità deve essere eseguito al momento del rilascio/consegna della concessione/autorizzazione. Per le annualità successive a quella del rilascio della concessione il versamento del canone va effettuato entro il 28 febbraio di ogni anno.
Per il solo anno 2021, il termine di pagamento del canone è fissato alla data del 31 maggio 2021 e, qualora l’importo complessivo sia superiore ad € 250,00, lo stesso può essere corrisposto in tre rate aventi scadenza 31 maggio, 31 agosto e 30 novembre.
Il ritardato o mancato pagamento di una sola rata fa decadere il diritto del contribuente al pagamento rateale.
Per le occupazioni degli “spuntisti” il versamento del canone deve essere effettuato al momento dell’assegnazione del posteggio.

 

Tutti i servizi


Da febbraio 2021 gran parte delle pratiche comunali si fanno solo online, accedendo con Spid, CIE o con CNS. Chiedi subito spid, è facile e gratuito!

Per i cittadini che non hanno la possibilità o i requisiti per ottenere le credenziali SPID o la Carta d'identità elettronica – persone soggette a tutela, curatela o amministrazione di sostegno e persone di nazionalità extracomunitaria con permesso di soggiorno, non in possesso di un documento di identità rilasciato in Italia – sarà comunque garantito l'accesso ai servizi con i moduli cartacei. I cittadini in questione potranno per il momento continuare a presentare le proprie pratiche cartacee, previo appuntamento, agli sportelli Quic.  Anche nel caso di pratiche di carattere sociale – quali quelle per l'accesso agli alloggi Erp – verrà per il momento mantenuta la modulistica tradizionale.