Salta al contenuto

Primo anno in famiglia

Contributo economico rivolto ai residenti nel Comune di Piacenza per la conciliazione tra lavoro e genitorialità nel primo anno di vita del bambino.

A chi si rivolge

Genitori lavoratori che intendono beneficiare dell’astensione facoltativa dal lavoro dopo la nascita del bambino.

Chi può presentare

La domanda può essere presentata dai genitori che scelgono l’astensione facoltativa dal lavoro per accudire direttamente il bambino/la bambina, senza fare ricorso a servizi socio-educativi della prima infanzia pubblici, privati o convenzionati. Nel caso in cui ad usufruire del congedo parentale siano sia la madre che il padre, le domande di contributo dovranno essere separate: ogni genitore dovrà presentare una domanda a proprio nome. Il contributo può essere fruito anche dalle famiglie affidatarie.

I seguenti requisiti devono sussitere al momento della presentazione della domanda:

  • residenza nel Comune di Piacenza da almeno 3 anni consecutivi;
  • figlio/figlia che al momento della presentazione della domanda non abbia superato 1 anno di vita;
  • occupazione di entrambi i genitori in regolare attività lavorativa retribuita;
  • Isee non superiore a euro 27.000;
  • avvenuta presentazione della domanda di congedo parentale all’INPS;
  • non aver ancora iniziato ad usufruire del periodo di congedo parentale oppure di usufruirne da meno di 1 mese;
  • impegno dei genitori a non inserire il figlio all’asilo nido per tutto il periodo di erogazione del contributo, pena la perdita del beneficio economico.

I genitori di un bambino con disabilità possono presentare domanda di contributo anche dopo il compimento del primo anno di vita, qualora intendano avvalersi di quanto previsto dalla legge 104/92 e ss.mm.ii. in tema di aspettativa

Accedere al servizio

Come si fa

Le domande di contributo compilate su apposito modulo online accessibile tramite Spid, devono essere presentate prima dell’inizio del periodo di congedo richiesto (o al massimo entro 1 mese) e dopo aver presentato la domanda all’Inps.

Per i richiedenti che necessitano di assistenza alla compilazione della domanda, sono a disposizione le postazioni Self del Comune situate presso gli sportelli InformaSociale e lo sportello InformaFamiglie&Bambini

Cosa si ottiene

Il contributo economico è fissato in 200 euro per ogni mese di astensione facoltativa per un periodo minimo di 1 mese e massimo di 6 mesi, anche non consecutivi. Il contributo economico ammonta a 300 euro per ogni mese di astensione facoltativa, per nuclei monogenitoriali e in caso di parti gemellari.
Il contributo verrà erogato in un’unica soluzione. Le domande in graduatoria che non potranno beneficiare del contributo nel mese in cui vengono presentate per insufficienza parziale o totale del budget mensile saranno rivalutate alla successiva istruttoria insieme alle nuove domande presentate.

Procedure collegate all'esito

Le domande verranno valutate con cadenza mensile e le determinazioni sull’ammissione e concessione del contributo saranno adottate con appositi atti dirigenziali. Agli interessati verrà data comunicazione scritta. Le graduatorie a cadenza mensile vengono definite sulla base dei seguenti criteri indicati in ordine di priorità:

  1. il figlio che si intende accudire è portatore di disabilità ai sensi dell’art 4 della Legge n° 104/92;
  2. nucleo monogenitoriale;
  3. parto gemellare;
  4. possesso dei soli requisiti richiesti.

All’interno dei suddetti punti 1-2-3-4 le domande saranno ordinate in base al reddito familiare, con precedenza in graduatoria delle domande di famiglie con Isee inferiore.

Canale digitale
Dove rivolgersi

Cosa serve

Per inoltrare la domanda è necessario allegare la seguente documentazione:

  • copia del permesso di soggiorno, ove necessario;
  • copia della richiesta di astensione facoltativa dal lavoro presentata all’INPS;
  • dichiarazione del datore di lavoro attestante l’effettivo inizio del periodo di astensione facoltativa dal lavoro;
  • copia del codice IBAN intestato o cointestato al richiedente sul quale liquidare il contributo

Tempi e scadenze

Le domande potranno essere presentate a partire dal 1° gennaio 2023, per tutto l'anno e fino a esaurimento risorse.

Contatti

Sportelli InformaSociale

Porta di accesso ai servizi sociali e socio-sanitari del territorio. Sedi: via Taverna 39 e via XXIV Maggio 28 (con Polo disabilità - Caad). Al sabato, postazione attiva in Via Beverora 57 presso gli Sportelli Polifunzionali.

Contenuti correlati

Primo anno in famiglia
Contributo economico rivolto ai residenti nel Comune di Piacenza per la conciliazione tra lavoro e genitorialità nel primo anno di vita del bambino.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

28-12-2022 17:12