DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Stati generali della ricerca Piacenza

Ricerca veloce
Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme

Dehors: richiesta concessione, modifica, revoca

Richiesta concessione, modifica, revoca

> La richiesta deve essere inoltrata online
oppure eccezionalmente a mezzo  PEC a protocollo.generale@cert.comune.piacenza.it (anche da indirizzo mail normale), previa richiesta agli uffici della documentazione da inviare.

Per qualsiasi informazione è possibile telefonare al numero 0523/492525 oppure inviare una e-mail all'indirizzo info.entrate@comune.piacenza.it.
NON E’ CONSENTITO L’ACCESSO AGLI UFFICI SE PRIVI DI APPUNTAMENTO

Per informazioni specialistiche su casi particolari (es. inoltro per parere Sopraintendenza Belle Arti): Servizio Attività Produttive ed Edilizia uffici: via Scalabrini n. 11  

DOCUMENTAZIONE

  • modulo (con indicazione dei contatti telefonici del dichiarante e/o intermediario e indirizzi mail e/o pec);
  • documento d’identità del richiedente/dichiarante; delega all’intermediario (con relativo documento di identità) per tutto quanto concerne l’iter di presentazione, istruttoria e rilascio della concessione;
  • assolvimento di imposta di bollo da € 16,00 (utilizzando l’apposito modulo);
  • planimetria* di inquadramento in scala 1:1000/1:2000, quotata e contestualizzata (sia come disegno planimetrico che con foto del sito interessato);
  • planimetria* di dettaglio in scala 1:50/1:100 con indicazione delle dimensioni di ingombro (larghezza e profondità), dei mq. complessivi, del tipo e del numero delle strutture di occupazione, delle loro modalità di allestimento, dell’esatta posizione dell’occupazione con precisa indicazione del totale della superficie occupata quotata e contestualizzata (sia come disegno planimetrico che con foto del sito interessato);
  • documentazione fotografica con particolare riferimento agli arredi che si vogliono posizionare; relazione sintetica* firmata da tecnico abilitato con indicazione delle dimensioni di ingombro (larghezza e profondità), dei mq. complessivi e descrittiva dell'occupazione e delle installazioni anche con indicazione attraverso la presentazione di documentazione fotografica e/o depliant e/o schede tecniche della installazione, della tipologia delle strutture e del materiale che si intende utilizzare;
  • scheda tecnica* sintetica della installazione, FIRMATA dal tecnico, redatta su apposito modulo;


Gli elaborati tecnici devono essere redatti e firmati da un tecnico abilitato.
N.B.: eventuali corpi scaldanti a norma di legge che si vogliano inserire nella concessione devono essere specificatamente indicati nel modulo di richiesta.

RILASCIO CONCESSIONE
Verrà richiesto invio tramite piattaforma on line o pec della seguente documentazione (a seguito di ns. comunicazione inviata a mezzo pec):

  • Ricevuta pagamento Canone;
  • Assolvimento dell’imposta di bollo di euro 16,00 (mediante utilizzo dell’apposito modello);


Eventuale versamento del deposito cauzionale

A seguito della ricezione di quanto sopra, l’Ufficio trasmetterà al richiedente a mezzo pec e/o all’intermediario delegato, la concessione firmata digitalmente, da conservarsi a cura del titolare unitamente al modulo di assolvimento dell’imposta di bollo di cui sopra.

REVOCA CONCESSIONE
Inoltrare l’istanza attraverso le modalità on line sopra indicate come segue:

  • modulo (con indicazione dei contatti telefonici del dichiarante e/o intermediario e indirizzi mail e/o pec);
  • assolvimento imposta di bollo da € 16,00 (mediante utilizzo dell’apposito modello); documento di identità.


Occorre indicare in maniera precisa la motivazione della revoca anticipata ed il riferimento alla concessione.

La data di revoca della concessione coincide con la data dell’atto che ne dispone la revoca.

 

 


 

La disciplina dei dehors viene sviluppata in parallelo  alle Linee guida per il trattamento del suolo, e fa parte integrante del più vasto Piano integrato del centro storico. Il lavoro parte dall'analisi delle tipologie esistenti ed ha come finalità la definizione di linee guida correlate sia al carattere dell'attrezzatura sia alle diverse situazioni ambientali urbane.

ART.185 Regolamento Edilizio DEHORS

185.1 Per “dehors” si intende l’insieme degli elementi mobili o smontabili o comunque facilmente rimovibili posti temporaneamente in modo funzionale ed armonico sullo spazio pubblico, o privato gravato da servitù di passaggio pubblico, che costituisce, delimita e arreda lo spazio per il ristoro all’aperto annesso ad un locale di pubblico esercizio di somministrazione.

185.2 Il tema dei dehors e del loro inserimento nel contesto urbano deve assumere la giusta valenza qualitativa rispetto ad una modalità attuativa meramente legata agli aspetti di occupazione di suolo pubblico, ed in tal senso, in analogia all’illuminazione, alle pavimentazioni, al verde, alla segnaletica stradale esso deve diventare parte integrante di un progetto dello spazio urbano che ha come obiettivo l’ordinata ed armonica organizzazione della città soprattutto quella storica.

185.3 Per tutte le tipologie di dehors e per tutto il territorio urbano:
In tutti i casi la progettazione e l’allestimento dovrà essere conforme al Codice della Strada, allo strumento urbanistico, al presente Regolamento, alle Linee Guida in materia di Sicurezza Urbana nell’uso del territorio approvate con delibera del C.C. n. 215 del 18/9/2006, alla normativa in materia di Barriere Architettoniche, di Igiene Pubblica ed alle altre prescrizioni di legge.
In nessun caso il dehor potrà trasformarsi in un locale chiuso, tipologia da assoggettare per quanto riguarda distanze, superfici e materiali alla disciplina di cui all’ART.183 del presente Regolamento.
Non sono ammessi, per evidenti ragioni di sicurezza, sia per il personale addetto che per gli utenti, dehor a servizio di esercizi pubblici collocati dal lato opposto di strade non pedonali, ad eccezione del Centro Storico
L’occupazione con dehor che ecceda il fronte del proprio esercizio commerciale e vada ad impegnare spazio di fronte ad altra proprietà/esercizio commerciale dovrà essere condivisa dal proprietario/titolare di tale immobile  o gestore dell’attività limitrofa.

185.4 Gli elementi costitutivi del dehor sono:
a) Arredo: sedie e tavoli, dal disegno semplice e lineare, progettati per allestimenti esterni,coordinati fra loro nel disegno, materiale e nel colore; dovranno essere elementi di design, di buona qualità e difficilmente deteriorabili. E’ vietato l’utilizzo di attrezzature e arredo precarie (destinate a manifestazioni/feste temporanee) quali panche e tavoli lunghi, con struttura metallica e legno, pieghevoli, che non garantirebbero la qualità richiesta a la sicurezza nell’uso
b) Delimitazioni: sono formate da barriere leggere in vetro, completamente trasparenti in Centro Storico, parzialmente nel resto del Centro Urbano, con una struttura formata da montanti metallici sottili; il loro utilizzo è previsto solo nel caso in cui si renda necessaria per motivi di ordine funzionale (presenza di autovetture in sosta o in transito oppure di altri elementi incongrui), senza peraltro creare spazi chiusi e tali da impedire la lettura spaziale della scena urbana; sono ammesse delle soluzioni antiriflesso solo in prossimità dei passi carrai. La linea di delimitazione dell’area di occupazione deve essere costituita da una sola fila di elementi, necessariamente uguali tra loro. Le uniche altre delimitazioni ammesse sono quelle con fioriere: dovranno essere in materiale resistente,non facilmente detetiorabile, con forme e dimensioni adeguate all’uso; le essenze ivi poste a dimora dovranno essere mantenute in buono stato vegetativo. Le fioriere saranno ammesse solo se non interferenti con la lettura di elementi architettonici e/o monumentali. L’altezza massima prevista per le delimitazioni, anche nel caso delle fioriere comprensive delle essenze messe a dimora, è di metri 1,60, misurati dal livello stradale o del marciapiede, sul quale viene installato il dehor. Non è ammessa nessun altro tipo di delimitazione, se non in aree pedonali dei semplici dissuasori con catenelle,in ghisa o metallo color ghisa, come il resto dell’arredo urbano. Non sono ammessi rampicanti su graticci.
c) Elementi di Ombreggiatura:
1. ombrelloni rimovibili con struttura in legno o ferro verniciato e telo di copertura in cotone naturale, di forma quadrata o rotonda;
2. tende a muro con tipologia a braccio e telo di copertura in cotone naturale. Lo sporto della tenda deve essere inferiore ad 1/3 della larghezza della strada e la sua altezza da terra deve essere superiore a cm 220;
3. struttura sottile in metallo, sostenuta da montanti, con copertura non rigida; la struttura che sostiene la tenda di copertura dovrà essere posta inferiormente alla stessa.
4. Il materiale usato per questi sistemi di copertura può essere solo in cotone, anche impermeabilizzato, o in materiale ignifugo, effetto tessuto, opaco. L’altezza massima prevista per la copertura in telo è di 3,00 metri dal livello del suolo o della pedana se realizzata
5. Il telo potrà essere solo in tinta unita e i colori variare nella gamma dei colori terrosi all’avorio al beige, nonché le tinte previste per le facciate del “Piano Colore del Centro Storico”, soprattutto se richiamanti quella di un edificio prospiciente l’area occupata dal dehor. Nel Centro Storico non sono consentite scritte o diciture di alcun tipo.
d) Pedane: per quanto riguarda le pedane e le pavimentazioni modulari sopraelevate dovranno avere altezza minore o uguale a cm 15 salvo casi di particolari dislivelli. Dovrà sempre essere garantita l’accessibilità e l’eventuale scivolo di raccordo dovrà essere realizzato all’interno dell’area. Per il rivestimento delle pedane è obbligatorio l’uso di parquet, lastre di rame, piombo.
e) Illuminazione: gli elementi di illuminazione potranno essere costituiti da corpi illuminanti a pavimento (piantane), da tavolo o sospese. In nessun caso è previsto l’utilizzo di corpi illuminanti a parete che vengano ancorati all’edificio
f) Riscaldamento: gli elementi di riscaldamento sono costituiti da corpi scaldanti per esterni del tipo a “fungo” o similari
g) Complementi di arredo quali, tovaglie, cuscini, accessori, ecc. dovranno essere parte integrante, armonica e coordinata, dell’intero allestimento. Al fine di accrescere l’attrattività e l’eleganza nei luoghi storici della città, i titolari delle attività dovranno privilegiare l’uso di tovaglie e copritovagli e in tessuto.

185.5 La procedura per il richiedente che inoltra la domanda di occupazione temporanea di suolo pubblico per la realizzazione di dehors segue il seguente iter procedurale:
a) ritiro del modello per la domanda di occupazione di suolo pubblico presso il Servizio Tributi o presso il sito web dell’Amministrazione Comunale;
b) compilazione del modello e presentazione di documentazione integrativa da allegare costituita da Relazione Tecnica – Illustrativa contenente:planimetria di inquadramento in scala 1:1.000/1:2.000 e planimetria di dettaglio in scala 1:50/1:100 con indicazione delle dimensioni di ingombro (larghezza e profondità), dei mq complessivi, del tipo e del numero degli elementi di arredo utilizzati e delle loro modalità di allestimento;relazione sintetica, firmata da tecnico abilitato, che contenga la descrizione delle scelte proposte, la dimostrazione del rispetto delle indicazioni previste dalle presenti norme con indicazione, attraverso la presentazione di documentazione fotografica e/odi depliant e/o schede tecniche, del modello, del colore e del materiale degli elementi di arredo che si intende utilizzare; Documentazione fotografica dello stato dei luoghi;Parere della Soprintendenza per i Beni Ambientali ed Architettonici nel caso di immobili vincolati,istruttoria presso il Servizio Tributi con parere del Servizi competenti in materia di Riqualificazione Urbana, Viabilità, Manutenzione, Edilizia, Sicurezza Urbana;autorizzazione all’allestimento concesso dal Servizio Tributi.

07/06/2021 - 30/12/2020