DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Stati generali della ricerca Piacenza

Ricerca veloce
Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / Servizi / Servizi - Attività produttive e Commercio / Apertura e gestione attività / Commercio in sede fissa / Medie e grandi strutture di vendita - apertura, trasferimento, cessazione...

Medie e grandi strutture di vendita - apertura, trasferimento, cessazione...

Procedure per l'apertura, il trasferimento di sede, l'ampliamento della superficie di vendita e l'attivazione di un nuovo settore; subingresso nella gestione, la riduzione di superficie di vendita o di settore merceologico e la cessazione dell'attività (servizio online).

Per medie strutture di vendita si intendono gli esercizi commerciali aventi superficie di vendita da mq. 251 a mq. 2500
In particolare le norme relative alle medie strutture di vendita fanno riferimento alle seguenti classi dimensionali:

  • Medio-piccole strutture di vendita: esercizi e centri commerciali con superficie di vendita superiore a 250 mq. e fino a 1.500 mq.
  • Medio-grandi strutture di vendita: esercizi e centri commerciali con superficie di vendita superiore a 1.500 mq. e fino a 2.500 mq.

 

Per grandi strutture di vendita si intendono gli esercizi commerciali e/o centri commerciali con superficie di vendita complessiva superiore a mq 2.500

Settori merceologici:

  • a) vendita di prodotti alimentari
  • b) vendita di prodotti non alimentari

 

Per superficie di vendita si intende, ai sensi dell’art. 4 del D.Lgs. 114/98 e della Deliberazione di C.R.E.R. n. 1253 e s.m.i., l’area destinata alla vendita, compresa quella occupata da banchi, scaffalature, vetrine e quelle dei locali frequentabili dai clienti, adibiti all’esposizione delle merci e collegati direttamente all’esercizio di vendita.
Non costituisce superficie di vendita quella destinata a magazzini, depositi, lavorazioni, uffici, servizi igienici, impianti tecnici ed altri servizi nei quali non è previsto l’ingresso ai clienti, nonché gli spazi di “avancassa” e i vani scala purché non adibiti all’esposizione delle merci.

Ai sensi della Deliberazione di C.R.E.R. n. 1253/99 e s.m.i, nel caso di merci ingombranti e cioè non immediatamente amovibili e a consegna differita (concessionarie di auto e relativi accessori, rivendite di legnami, di materiali per l’edilizia e di mobili), la superficie di vendita viene computata, ai fini dell’applicazione della disposizione di cui sopra e sempreché vi sia la compatibilità urbanistica-edilizia e di destinazione d’uso, nella misura di 1/10 fino a 2.500 e di 1/4 per la superficie eccedente tale dimensione.
Ai fini e per gli effetti di quanto sopra disposto, è obbligatoria la sottoscrizione di un “atto d’impegno d’obbligo per le merci ingombranti” tra Comune e operatore commerciale che costituisce parte integrante dell’autorizzazione o comunicazione, con il quale l’operatore, inoltre si impegna a non introdurre e/o vendere merci diverse da quelle tassativamente indicate ed a comunicare preventivamente al Comune qualsiasi variazione alle merceologie commercializzate.

Ai sensi della Deliberazione di C.R.E.R. n° 1253 del 23/09/1999 e s.m.i., nei punti di vendita nei quali vengono esercitate congiuntamente le attività di commercio all’ingrosso e al dettaglio esclusivamente dei prodotti elencati all’art. 19 bis della L.R.E.R. 14/99 e s.m.i., la superficie di vendita al dettaglio viene computata, sempreché vi sia la compatibilità dal punto di vista urbanistico, edilizio e di destinazione d’uso, nella misura di almeno il 50% della superficie complessivamente utilizzata per la vendita all’ingrosso e al dettaglio quando questa non sia superiore a 5.000 mq.. La parte di superficie eccedente le succitate dimensioni viene considerata esclusivamente come superficie per la vendita al dettaglio.
Ai fini e per gli effetti di quanto sopra disposto, è obbligatoria la sottoscrizione di un "atto d’impegno d’obbligo per commercio ingrosso e dettaglio” da parte dell’operatore con cui il medesimo, inoltre si impegna a non introdurre e vendere merci diverse da quelle tassativamente indicate o a comunicare preventivamente al Comune competente per territorio qualsiasi variazione intenda apportare alle merceologie commercializzate. Nel caso di computo della superficie di vendita secondo tali modalità, non risultano applicabili le disposizioni di cui alla Deliberazione di CRER n° 344/2002.

Requisiti per l'esercizio dell'attività commerciale

  • Morali: di cui all'art. 71 del  D.Lgs 26 marzo 2010, n. 59 e s.m.i. e all'art. 67 del D.Lgs 06/09/2011 n. 159 e s.m.i.(antimafia) da autocertificare da parte del dichiarante, del preposto eventualmente nominato e di altre persone (soci e amministratori indicati all'art. 85 del D.Lgs. 159/2011): in caso di snc, tutti i soci; in caso di S.a.s., i soci accomandatari, in caso di Società di capitali (S.p.A., S.r.l.) tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione, i Componenti il Collegio Sindacale (effettivi e supplenti), in socio di maggioranza in caso di società di capitali con un numero di soci pari o inferiore a 4.
  • Professionali: di cui all’art. 71 comma 6 del D.Lgs 59/2010 e s.m.i., in caso di prodotti del settore alimentare :
    1. aver frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto dalle Regioni o dalle Province autonome di Trento e Bolzano;
    2. aver prestato la propria opera, per almeno due anni, anche non continuativi nell’ultimo quinquennio precedente, presso imprese esercenti l’attività nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande, in qualità di dipendente qualificato, addetto alla vendita o all’amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità di socio lavoratore o, se trattasi di coniuge, parente o affine entro il terzo grado dell’imprenditore in qualità di coadiutore famigliare, comprovata dall’iscrizione all’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS);
    3. essere in possesso di diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purchè nel corso  siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione di alimenti e bevande
    4. essere stato iscritto al Registro Esercenti il Commercio (REC) di cui alla Legge 11 giugno 1971, n. 426 (Disciplina per il commercio), salva cancellazione dal medesimo registro, per la vendita di generi alimentari o somministrazione di alimenti e bevande.
    Sia per le ditte individuali che in caso di società, associazione od organismi collettivi, i requisiti professionali devono essere posseduti dal titolare della ditta individuale o rappresentante legale della Società ovvero, in alternativa, dall'eventuale persona preposta all'attività commerciale.
  • Oggettivi: rispetto delle norme urbanistiche e di quelle relative alla destinazione d'uso dei locali ed ai regolamenti edilizi, di polizia urbana.

Nel caso di vendita di prodotti del settore alimentare, l'inizio dell'attività è subordinato alla preventiva presentazione della "Notifica" ai fini della procedura di Registrazione di cui all'art. 6 del Regolamento (CE) n. 852/2004.

Per l'apertura, il trasferimento di sede, l'ampliamento della superficie di vendita e l'attivazione di un nuovo settore è necessario presentare richiesta. Tali interventi sono soggetti ad autorizzazione.
Per il subingresso nella gestione, la riduzione di superficie di vendita o di settore merceologico e la cessazione dell'attività è necessaria presentare una SCIA. Tali modifiche possono essere attuate con decorrenza immediata dalla data di presentazione della SCIA.

 

Subingresso a seguito di cessione, affitto, fusione, conferimento, scioglimento, morte.
Dal 01/02/2013 la comunicazione di trasformazione della natura giuridica, denominazione o ragione sociale/ trasferimento di sede legale/variazioni legale rappresentante/variazioni relative al preposto di un esercizio di vicinato, di una media struttura di vendita e di una grande struttura di vendita deve essere inoltrato esclusivamente per via telematica.
Per la modifica nella titolarità di un esercizio commerciale esistente è necessaria la SCIA Segnalazione Certificata di inizio Attività, che deve essere inoltrata almeno il giorno stesso del subingresso.
L’interessato può iniziare l’attività dal giorno di presentazione della comunicazione.

MODALITA' DI RICHIESTA:
I procedimenti devono essere avviati unicamente in forma telematica su Suap online della Regione Emilia Romagna Accesso Unitario


Le dichiarazioni false, la falsità negli atti e l'uso di atti falsi comportano l'applicazione delle sanzioni penali previste dall'art. 76 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445 e delle pene previste dall’art. 19 comma 6 della L. 241/90 e s.m.i. (reclusione da 1 a 3 anni), ove il fatto non costituisca più grave reato.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.L.vo 114/1998 – D.L.vo 59/2010 – DCC 108/2000 - DCC 24/2016 - D.Lvo 222/2016

Tempi del procedimento: Per l'apertura, il trasferimento di sede, l'ampliamento della superficie di vendita e l'aggiunta di un nuovo settore merceologico: 90 GG (per media struttura) 120 GG dalla data di convocazione della conferenza dei servizi (per grande struttura)– DPR 407/94. Per il subingresso nella gestione, la riduzione di superficie di vendita o di settore merceologico: l’inizio o la variazione dell’attività può avvenire subito dopo la presentazione al Comune della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), a condizione che la stessa sia compilata in ogni sua parte e completa degli allegati previsti.
Qualora, in sede di controllo delle Segnalazioni e dei relativi allegati,  emergano carenze dei requisiti e presupposti previsti dalle normative vigenti, il Comune, entro il termine di 60 gg. dal ricevimento della SCIA, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove ciò sia possibile, l’interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro il termine fissato dall’Amministrazione, in ogni caso non inferiore a 30 gg.. In caso di dichiarazioni false o mendaci è fatta salva, comunque, l’applicazione delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000 e dall’art. 19 comma 6 della L. 241/90 e s.m.i..

 


Orari

Gli orari di apertura e chiusura degli esercizi di vendita al dettaglio sono rimessi alla libera determinazione degli esercenti
Il titolare dovrà rispettare l’orario di apertura e chiusura prescelto e dovrà renderlo noto al pubblico mediante cartelli o altri mezzi idonei di informazione.


Autorizzazione sanitaria per alimentari , sottoprodotti e riproduzione animale

A seguito dell'entrata in vigore della Determinazione Regione Emilia Romagna n. 16842 del 27.12.2011 le pratiche sanitarie relative alla registrazione delle attività e il riconoscimento degli stabilimenti del settore alimentare , del settore dei sottoprodotti di origine animale (SOA) e del settore della riproduzione animale , non possono più essere presentate all’AUSL di Piacenza .
Le pratiche relative al Comune di Piacenza dovranno essere inviate in via telematica. (Accesso Unitario https://accessounitario.lepida.it)
Le pratiche non potranno essere presentate in formato cartaceo.

Lo Sportello Unico per le Attività Produttive invierà la pratica sempre telematicamente alla casella di posta certificata dell’AUSL di Piacenza protocollounico@pec.ausl.pc.it, quale Ente competente  alla verifica, al controllo e rilascio relativi atti  autorizzativi .
Eventuali richieste di chiarimenti o notifiche di atti autorizzativi saranno inoltrate dal Suap alla casella di posta elettronica certificata del richiedente o di suo delegato.

L’AUSL di Piacenza continuerà invece a fornire chiarimenti e  delucidazioni mediante le solite modalità di prenotazione al numero telefonico del CUP (800 651 941) e/o contattando gli altri uffici Ausl presenti sul territorio.

Si segnala che per le manifestazioni temporanee (fiere, feste, ecc) non è più prevista la notifica sanitaria.

08/04/2021 - 28/09/2017

Tutti i servizi


Da febbraio 2021 gran parte delle pratiche comunali si fanno solo online, accedendo con Spid, CIE o con CNS. Chiedi subito spid, è facile e gratuito!

Per i cittadini che non hanno la possibilità o i requisiti per ottenere le credenziali SPID o la Carta d'identità elettronica – persone soggette a tutela, curatela o amministrazione di sostegno e persone di nazionalità extracomunitaria con permesso di soggiorno, non in possesso di un documento di identità rilasciato in Italia – sarà comunque garantito l'accesso ai servizi con i moduli cartacei. I cittadini in questione potranno per il momento continuare a presentare le proprie pratiche cartacee, previo appuntamento, agli sportelli Quic.  Anche nel caso di pratiche di carattere sociale – quali quelle per l'accesso agli alloggi Erp – verrà per il momento mantenuta la modulistica tradizionale.