Salta al contenuto

Decessi: passaporto mortuario

Per il trasporto di salma in uno Stato estero, viene presentata domanda di autorizzazione in bollo, indirizzata al Comune del luogo di decesso.

Accedere al servizio

Come si fa


Documentazione

  • Richiesta in marca da bollo
  • Attestazione di garanzia fornita dall'Impresa di Onoranze funebri che effettua il trasporto comprovante l'idoneità della cassa per il trasporto all'estero;
  • Certificato medico dell'Autorità sanitaria attestante che il decesso non è avvenuto a causa di malattia infettiva e/o diffusiva
  • Nulla osta , per l'introduzione della salma nel Paese in cui è diretta, dell'Autorità consolare straniera competente per il territorio in Italia (previsto solo per l'estradizione delle salme non aderenti alla Convenzione di Berlino);
  • n.2 estratti di morte su modello plurilingue da valere all'estero e se è prevista l'autentica di firma dell'ufficiale dello Stato Civile , vanno legalizzati in Prefettura.
  • marca da bollo da apporre al passaporto

La documentazione deve essere presentata al Quic.

Cosa si ottiene

Il passaporto viene rilasciato in bollo, a firma del Dirigente o del Responsabile del Servizio su apposito modello redatto in duplice lingua: italiana e francese con allegati tutti i documenti prodotti unitamente all'autorizzazione al seppellimento rilasciata dall'ufficiale dello stato civile.

Del rilascio del passaporto mortuario viene data informazione al Prefetto della Provincia di frontiera attraverso la quale la salma dovrà transitare.

Tempi e scadenze

Il procedimento di norma si conclude entro 2-3 giorni dalla presentazione della domanda

Ulteriori informazioni

Normativa:

  • D.P.R.285/1990 art.18-25 e seguenti
  • Legge Regionale Emilia Romagna n.19/2004 art.10 comma 9

Ultimo aggiornamento

16-05-2022 16:05

Questa pagina ti è stata utile?