DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Stati generali della ricerca Piacenza

Ricerca veloce
Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / Novità / cerimonie e ricorrenze / 10 maggio - Piacenza Primogenita

10 maggio - Piacenza Primogenita dell'Unità d'Italia

Il 10 maggio 1848 Piacenza, con plebiscito pressoché unanime, votava la sua annessione al Piemonte meritando da Carlo Alberto l’appellativo di Primogenita.

 

Alla città di Piacenza è concessa la medaglia d’oro istituita in riconoscimento delle benemerenze patriottiche perché, prima fra le città italiane, il 10 maggio 1848, con plebiscito pressoché unanime, votava la sua annessione al Piemonte meritando da Carlo Alberto l’appellativo di Primogenita.

È il regio decreto 322 del 27 gennaio 1941 ad assegnare alla nostra città la medaglia d’oro per le azioni «altamente patriottiche compiute dalle città italiane nel periodo del Risorgimento».

La concessione di tale riconoscimento fa riferimento ad uno degli episodi più importanti della storia risorgimentale piacentina: il plebiscito di annessione al Piemonte.

Nel maggio 1848 i piacentini sono chiamati a votare per l’aggregazione di Piacenza e del suo territorio al Piemonte: il 98% degli elettori esprime un parere favorevole all’unione.

L’esito trionfale è proclamato con solennità il 10 maggio nella chiesa di San Francesco.

Piacenza Primogenita d'Italia

Il 14 una delegazione piacentina, composta da Pietro Gioia, Fabrizio Gavardi e Antonio Rebasti si reca al campo di Sommacampagna, vicino a Verona, per presentare al re Carlo Alberto il voto di Piacenza.

A leggere l’esito e a proclamare «nella unione la indipendenza d’Italia», è Pietro Gioia, protagonista di questa pagina del Risorgimento piacentino.


 

 

On 10th May 1848, Piacenza was awarded the gold medal, as acknowledgement for its patriotism because, the first among Italian cities, it was annexed, with a nearly unanimous referendum vote, to Piedmont, thus deserving the title, bestowed by Carlo Alberto, of ‘Primogenita’ (First born)».

Royal decree n. 322 of 27th January 1941 awarded Piacenza the gold medal for its «highly patriotic deeds performed by Italian cities during the Risorgimento». 
This award was connected with one of the most important events in the history of Piacenza: the referendum which annexed it to Piedmont.

In May 1848 the inhabitants of Piacenza voted the annexation of Piacenza and its territory to Piedmont: 98% of voters was in favour.
The triumph was solemnly proclaimed on 10th May in San Francesco Church. 
On 14th May a delegation from Piacenza, composed by Pietro Gioia, Fabrizio Gavardi and Antonio Rebasti, went to the field of Sommacampagna, close to Verona, to deliver the vote of Piacenza to the king Carlo Alberto.

The proclamation of the «participation at the Italian Independence», was read by Pietro Gioia, the protagonist of this part of the history of Piacenza.