DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Stati generali della ricerca Piacenza

Ricerca veloce
Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / Novità / Eventi / altri eventi / Musique Nouveau

Musique Nouveau

5 e 10 dicembre 2021, III° edizione presso la Galleria Ricci Oddi.

Il 5 e il 10 dicembre 2021 presso la Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi si svolgerà la III° edizione della rassegna musicale "Musique Nouveau".

La rassegna si occupa essenzialmente del segmento musicale della fine dell' 800 e il primo ventennio del '900 nel periodo denominato Liberty che affianca l' Art Déco.
Andare oltre creando una “suggestione”, una pensiero, un ricordo.
Percepire le atmosfere di un periodo storico ricco di entusiasmo e caratterizzato da enormi cambiamenti in tutti gli ambiti culturali e scientifici.

Concerto "MUSIQUE VISUELLE"

Dove: Galleria d'arte Moderna Ricci Oddi
Quando:
5 dicembre 2021, ore 18.30La suggestione visiva trova nei “ Quadri di un’ esposizione” di Musorgskij una delle sue massime espressioni compositive. Suite nata per pianoforte, diventa immediatamente fonte di ispirazione per innumerevoli trascrizioni e adattamenti. La più famosa rimane quella di Ravel. Per “Musique Nouveau” presentiamo con grande piacere le trascrizioni originali di Eva Impellizzeri violista del quartetto. Lavoro inciso e balzato immediatamente ai primi posti delle classifiche del settore. Musica da “vedere” perfetta e accattivante. Un'altra conferma del quartetto Accademia che nelle passate edizioni ha proposto pregevoli trascrizioni di Debussy.“La trascrizione dei quadri di Mussorgsky è nata esattamente come tutte le altre, dal desiderio di poter eseguire brani che nella mia vita di musicista ho avuto il piacere di suonare pochissime volte. Alcuni capolavori vengono suonati raramente per la necessità del grande organico richiesto, per la complessità di esecuzione o forse perchè al mondo c'è così tanta bella musica che alcuni vengono semplicemente dimenticati o lasciati in un angolo. Io ho scoperto i Quadri grazie a mia madre che è pianista (che però non li ha mai studiati) quella partitura era chiusa nel mobile tra tanti altri spartiti ed io li conosciuti tramite il grande e famoso lavoro di Ravel, inebriandomi ad ogni quadro descritto” ( Eva Impellizzeri ).

PROGRAMMA

“Introduit “ all’ ascolto Prof. RICCARDO PECCIGiacomo Puccini Crisantemi, Elegia (1890)
(1858-1924)Modest Musorgskji
Quadri di un’esposizione
(1839-1881)Trascrizione per Quartetto d’archi di Eva Impellizzeri QUARTETTO DELL' ACCADEMIA VIRGILIANA di MANTOVAPaolo GHIDONI violino I°
Agnese TASSO violino II°
Eva IMPELLIZZERI viola
Michele BALLARINI violoncello

Concerto "ORIENT IMPRESS"

Dove: Galleria d'arte Moderna Ricci Oddi
Quando: 10 dicembre 2021, ore 18.30

Come i pittori impressionisti privilegiano la luce, i musicisti che condividono questa sensibilità portano la loro attenzione sul timbro, il “colore” degli strumenti. Il timbro diventa per questi compositori l'elemento più importante della composizione, attraverso il quale esprimere impressioni e suggestioni. Le tecniche di strumentazione utilizzate sono molto raffinate e gli strumenti sono spinti agli estremi limiti della loro estensione. Le sonorità così ottenute sono leggere, sfumate e trasparenti. La dinamica non raggiunge quasi mai il forte, ma in genere va dal mezzoforte al pianissimo. L'armonia non segue le regole tradizionali, ma è molto innovativa e crea un effetto di sospensione. Le melodie usano spesso scale antiche, di tradizione medievale, o ispirate all'Oriente come la scala pentafonica (di cinque suoni) e la scala esatonale (di sei suoni). Le atmosfere delle composizioni appaiono così sognanti, vaghe e indeterminate. L'impressionismo musicale nasce a Parigi e si afferma fra il 1870 e il 1920. NDR

“La musica è una matematica misteriosa i cui elementi partecipano dell’Infinito. Essa è responsabile dei movimenti delle acque, del gioco delle curve descritte dalle mutevoli brezze; niente è più musicale di un tramonto. Per chi sa guardare con emozione, è la più bella lezione di sviluppo scritta in quel libro non letto abbastanza assiduamente dai musicisti: la Natura”
C. DEBUSSY

PROGRAMMA

“Introduit “ all’ ascolto Prof. Paolo RosettiArtur Honegger (1892-1955)
“Petite Suite”, per due flauti e pianoforteMaurice Ravel (1875-1937)
“Shèhèrazade”, soprano, flauto, pianoforte
I. Asie
II. Le flute enchantèeClaude Debussy (1862-1918)
“Petite Suite”, per due flauti e pianoforte
I. En bateau
II. Cortège
III. Minuet
IV. BalletCharles Camille Saint-Saëns (1835-1921)
“Samson et Dalila” per due flauti e pianoforte
Dance BacchanaleFrancesca ROSSI DEL MONTE sopranoTRIO DAMASEAlberto BARLETTA flauto
Elisa PARODI flauto e ottavino
Clara DUTTO pianoforte

 

Ingresso gratuito con prenotazione e GREEN PASS
fino ad esaurimento postiInfo e prenotazioni
iparchidellamusica@gmail.com
https://www.facebook.com/iparchidellamusica

 

 

 

Per informazioni: 
I Parchi della Musica 
tel. 338 7003499 
email: iparchidellamusica@gmail.com

Contenuti correlati
Locandina Musique Nouveau