Salta al contenuto

Riparte l'anno educativo, l'assessora Corvi in visita ai nidi d'infanzia ribadisce “l'impegno dell'Amministrazione per un sistema integrato a supporto delle famiglie”

Data:

02-09-2022

Argomenti
Sociale

Visita a cinque nidi cittadini, in occasione della ripartenza odierna dell'anno educativo, per l'assessora alle Politiche per l'Infanzia Nicoletta Corvi: due a gestione diretta, l'Arcobaleno di via Penitenti e il Girasole di via Sarmato, accanto ai nidi convenzionati “Il giardino di Alice” (part-time), Casa Morgana in via Taverna e Mirra in via Campagna.

“E' molto significativo – sottolinea – sentirsi partecipi di una giornata che rappresenta, per tanti genitori, il momento in cui ci si rivolge e ci si appoggia con fiducia, magari per la prima volta, a un servizio di fondamentale supporto nella conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, determinante per agevolare l'occupazione femminile e il reinserimento professionale dopo la maternità, nonché per favorire il progetto di costruzione di una famiglia, dando alla nostra società un concreto strumento in più per contrastare la denatalità. Incrementare l'offerta dei servizi, in quest'ambito, significa innescare un circuito virtuoso che porta anche all'aumento della domanda, ampliando il bacino d'utenza dei nidi: basti pensare che, dei 1769 residenti a Piacenza nella fascia 0-3 anni, che avevano i requisiti per accedere al nido, le richieste di ammissione sono state 498, pari solo al 28%”.

“Questa è anche l'occasione in cui – rimarca Nicoletta Corvi – ribadire l'impegno e l'attenzione prioritaria perché possa crescere ulteriormente e consolidarsi sempre di più un sistema integrato di servizi educativi che già adesso poggia sul dialogo e sulla reciproca collaborazione tra pubblico e privato. Proprio con questo intento, oggi, ho voluto portare il saluto dell'Amministrazione non solo in due sedi comunali, ma in altrettante convenzionate: due afferenti alla cooperazione sociale, l'altra alla Fism. Se, con lo stanziamento aggiuntivo di 165 mila euro deliberato nei giorni scorsi in Giunta, siamo riusciti a far fronte a quella che per decine di famiglie rappresentava un'emergenza, garantendo 35 posti aggiuntivi rispetto agli anni precedenti, ciò è possibile anche grazie alla distribuzione degli inserimenti tra nidi comunali (dove l'aumento è stato di 20 unità, da 305 a 325) e privati convenzionati, che hanno accolto 15 bambini in più (da 146 a 161)”.

“Oggi ho avuto la conferma ulteriore – sottolinea l'assessora – anche se non ce ne sarebbe stato bisogno, di una rete solida e strutturata, che conta sulla competenza professionale e sull'amore per il proprio lavoro di tutto il personale che ho potuto incontrare, a cui rinnovo il mio più sincero augurio perché i prossimi mesi possano essere vissuti all'insegna della condivisione, dopo questi due anni e mezzo così difficili. Non dimentichiamo, infatti, che il nido rappresenta, per i piccoli che lo frequentano, la prima esperienza di socialità e appartenenza a una comunità più ampia rispetto al proprio nucleo familiare, affiancandosi come prezioso sostegno educativo ai genitori”.

“Lo avevamo dichiarato alla fine di luglio – conclude l'assessora Corvi – completando le procedure di revisione delle domande per poter stilare le graduatorie definitive di ammissione: l'incremento dei posti disponibili si è subito delineato come obiettivo prioritario per la Giunta. Continueremo a lavorare in tal senso e a breve riapriremo anche le iscrizioni fuori termine, ma sin d'ora, anche grazie alla mobilità che caratterizza la frequenza del servizio nella fascia 0-3 anni, l'auspicio è che tutti i genitori possano iscrivere al nido, già da quest'anno, i propri bambini”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

02-09-2022 13:09

Questa pagina ti è stata utile?