DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Stati generali della ricerca Piacenza 2018

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / Comune / servizi online / servizi online per tema / Me-Pc mercato elettronico

Me-PC mercato elettronico

Il mercato elettronico della PA è un mercato digitale in cui le amministrazioni abilitate possono acquistare, per valori inferiori alla soglia comunitaria, beni e servizi offerti da fornitori abilitati a presentare i propri cataloghi sul sistema.


Da gennaio 2014 il Comune di Piacenza utilizza il sistema del Me-Pc mercato elettronico, un mercato digitale in cui le Amministrazioni abilitate possono acquistare, per valori inferiori alla soglia comunitaria (207.000,00 euro iva esclusa), i beni e servizi offerti da fornitori abilitati a presentare i propri cataloghi sul sistema .

Il Me-Pc sostituisce il vecchio albo dei fornitori costituito da ditte selezionate e di interesse del Comune, iscritte per categorie merceologiche e per categorie di servizi.
Pertanto, le ditte che desiderano vendere beni o servizi al Comune di Piacenza, devono accreditarsi in Me-Pc, seguendo le indicazioni contenute nel bando, che definisce le tipologie di beni e servizi, le condizioni generali di fornitura, le modalità per accreditarsi e il periodo di validita della registrazione. E' possibile chiedere l'accreduto  in qualsiasi momento.


 

    freccia orizzontale vai la servizio Me-Pc

    mepc

     


     

    Contatti

    U.O. Acquisti e Gare, Ufficio Centrale Acquisti

    • email : mepa-pc@comune.piacenza.it
    • fax:  0523.492146
    • telefono (da lunedì a venerdì, 8.30 -.13.00;  lunedì e giovedì anche 15.30 - 17.30):
      • 0523 492 151, 0523 492 028, per informazioni riguardanti le procedure di abilitazione al mercato elettronico del Comune di Piacenza
      • 0523 492 165, 0523 492 082  per informazioni riguardanti la gestione del catalogo e l’inserimento di beni e servizi.

      13/06/2018 - 10/12/2013

      Contenuti correlati
      gare appalti