DESTINAZIONE TURISTICA EMILIA

Stati generali della ricerca Piacenza

Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / "piacere, Piacenza" / la città / cosa vedere / monumenti, piazze, vie / Urban center - ex macello

Urban center - ex macello

 

 

Indirizzo: Stradone Farnese, 126

 

 

 

 


 

 

Nell’ex macello pubblico di via Scalabrini, uno dei più importanti esempi di archeologia industriale presente in città, sono state ricavate le sedi per la facoltà di Architettura del Politecnico; l’Ordine degli architetti, paesaggisti, pianificatori e conservatori; l’Ufficio di Piano del Comune; il Museo di Storia Naturale, InfoAmbiente e l’archivio storico della città.

La struttura, destinata ad accogliere attrezzature di servizio per la città e il territorio, è denominata “Urban Center”. Il complesso dell’ex Macello comunale è compreso nell’isolato delimitato da via Scalabrini, cantone Moroni, piazzale Libertà, stradone Farnese e via Caccialupo. Gli ingressi principali si affacciano su via Scalabrini tramite un elegante portale e sullo stradone Farnese con una struttura metallica forata. L’intero complesso è recintato da un alto muro in mattoni faccia vista a Est e a Sud. Il macello di S. Anna fu costruito tra il maggio del 1892 e l'agosto del 1894. La decisione di edificare sul territorio piacentino un nuovo mattatoio era dovuta da un lato al fatto che il Comune di Piacenza avvertiva la necessità di sostituire il vecchio macello, quello del Carmine, che, costruito nel 1805, era stato chiuso alla fine del XIX secolo a causa delle dimensioni ormai troppo modeste per poter soddisfare la sempre più crescente domanda di carni da macellare da parte di una popolazione in costante aumento. Il complesso di S. Anna subì nel corso degli anni alcune modifiche nella dislocazione degli spazi e ampliamenti, tra cui è importante ricordare l'aggiunta delle celle frigorifere e dei magazzini refrigeranti, progettati dall'ingegnere municipale Giovanni Perreau e costruiti nel 1910. Il macello di S. Anna svolse la propria attività fino al 1985. Nel 1989 fu sottoposto a vincolo della Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici dell'Emilia Romagna, in quanto esempio illustre di archeologia industriale di fine secolo.

22/07/2017 - 19/03/2012

iat piacenza

IAT - Informazione e accoglienza turistica