Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / temi / tributi imposte canoni / Cosap - canone occupazione spazi aree pubbliche

Cosap - Canone per l'Occupazione di Spazi e Aree Pubbliche

cosap.jpg

Prorogata la scadenza COSAP annuale per occupazioni permanenti
Con
Delibera della Giunta è stato stabilito di non elevare nessuna sanzione per i pagamenti Cosap sino al 15 marzo, a causa dei i ritardi verificatisi nella ricezione degli avvisi. Ica, società incaricata della riscossione del canone, non applicherà sanzioni e interessi ai pagamenti in questione – effettuati in unica soluzione oppure in rate trimestrali anticipate – prorogando i termini sino al 15 marzo prossimo. I contribuenti che, provvedendo al pagamento del canone Cosap nei primi giorni di marzo, si fossero visti applicare maggiorazioni per sanzioni e interessi – dovuti per ritardato pagamento rispetto alla scadenza originaria del 28 febbraio scorso – potranno richiedere a Ica la restituzione delle maggiorazioni corrisposte.


 

 

Per suolo o spazio pubblico si intendono le aree ed i relativi spazi soprastanti e sottostanti, appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune, comprese le aree mercatali. Sono equiparate al suolo pubblico le aree di proprietà privata sulle quali risulti regolarmente costituita, nei modi e termini di legge, una servitù di pubblico passaggio.
L'occupazione consiste nella disponibilità o l’utilizzo, anche di fatto, di suolo o di spazi pubblici, con conseguente sottrazione degli stessi all’uso generale della collettività.
L’atto amministrativo mediante il quale il Comune autorizza l’occupazione è la concessione; mentre il canone è il corrispettivo dovuto al Comune.

Vi sono diverse tipologie di occupazione, descritte in dettaglio nella sezione a sinistra:

  • occupazione temporanea di breve durata (banchetti raccolta firme, stand di associazioni, eventi).
    Le richieste relative andranno presentate presso il Quic ALMENO 7 GIORNI LAVORATIVI antecedenti la data di occupazione. In caso contrario, l'Ufficio non garantirà il rilascio della concessione per le date richieste.
  • occupazione temporanea di lunga durata, continuativa e inferiore a un anno (panchine e ombrelloni davanti a bar e gelaterie, arredi che restano per qualche mese)
  • occupazione permanente pluriennale da 1 a 9 anni (dehors di pubblici esercizi, chioschi, edicole, parcheggi, pensiline, fioriere)
  • Passo carraio.

Per tutte le procedure elencate occorre rivolgersi al Quic - viale Beverora, 57

    02/03/2017 - 01/07/2013

    Share |