Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / Comune / amministratori / Sindaco

Il sindaco Paolo Dosi

In carica dal 2012

Paolo Dosi sindaco di Piacenza

Il Sindaco, oltre a quanto previsto dalla normativa nazionale e dallo Statuto comunale (capo IV, articoli 43, 45 *), impartisce agli assessori le direttive politiche ed amministrative in attuazione delle deliberazioni del Consiglio comunale e della Giunta comunale; coordina e promuove l'attività degli assessori con riferimento ai provvedimenti che riguardano la politica dell'Amministrazione;interviene per assicurare l'imparzialità, il buon andamento e l'efficienza degli uffici ai quali sono preposti i singoli assessori e promuove le verifiche necessarie; concorda con gli assessori le pubbliche dichiarazioni che essi intendano rendere ogni qualvolta le stesse, eccedendo la normale responsabilità assessorile, possano impegnare la politica della Giunta.

Gli assessori sono altresì delegati a rispondere, nei termini e con le modalità disciplinate dal Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale e delle commissioni consiliari, alle istanze di sindacato ispettivo presentate dai consiglieri comunali.

Rimangono riservate alla competenza del Sindaco le materie non delegate agli assessori.


  • contatti
    Il Sindaco riceve, previo appuntamento con la Segreteria, nella sede centrale del Comune in Piazza Cavalli 2.
    email  sindaco@comune.piacenza.it tel.: 0523/492021 fax: 0523/329273


 

Profilo

Paolo Dosi è nato a Piacenza nel 1954, è sposato, ha due figli e un nipotino. E' laureato in Giurisprudenza, di professione è libraio e piccolo editore ed è impegnato nell’associazionismo familiare e di sostegno alla disabilità.
Dal 21 maggio 2012 è sindaco del Comune di Piacenza.
La sua formazione civica, sociale e politica comincia negli anni trascorsi al liceo Respighi, con il professore don Eliseo Segalini e le prime esperienze di volontariato in un doposcuola per i figli dei migranti del sud. Dopo la laurea in Giurisprudenza e due anni di lavoro in un'azienda di autotrasporti, inizia ad occuparsi della casa editrice e libreria Berti, impegnandosi nel tentativo di farne un centro culturale e un punto di incontro tra il mondo laico e quello cattolico.
L'impegno nella politica attiva comincia con l'elezione in Consiglio comunale nel 2002, nelle fila della Margherita per poi entrare nel Partito Democratico dal momento della sua fondazione. Dal 2004 ricopre il ruolo di assessore del Comune di Piacenza, seguendo dapprima la formazione, i minori e le politiche giovanili, poi la cultura, il turismo e lo sport. Ha contribuito, fra l'altro, ad avviare la Fondazione Teatri di Piacenza e i centri di aggregazione Spazio 4 e Giardini Sonori.
Convinto dell'importanza dei valori dell'incontro e dell'accoglienza, ha cercato di praticarli anche nella sua vita personale, insieme alla moglie Stefania. Dopo l'esperienza dell'affido, ha adottato due figli e ha partecipato alla nascita delle associazioni di volontariato Dalla parte dei bambini e Oltre l'autismo e contribuito allo sviluppo di Assofa.

 


* Statuto comunale (capo IV, articoli 43, 45)

Art. 43 - Funzioni
1. Il Sindaco è responsabile dell’amministrazione del comune e dirige l’azione della Giunta.
2. All’atto della proclamazione, il Sindaco assume tutte le funzioni ad esso attribuite dalle leggi, dallo statuto e dai regolamenti.

Art.45 - Competenze
1. Il Sindaco è il legale rappresentante dell’ente. Adempie alle attribuzioni a lui conferite dalle leggi e dallo statuto ed in particolare:
a) assicura l’unità di indirizzo politico amministrativo della Giunta promuovendo, stimolando e coordinando l’attività degli assessori;
b) impartisce le direttive per assicurare che l’attività amministrativa e la gestione si svolgano secondo criteri di imparzialità, buon andamento, economicità, efficacia, pubblicità e secondo gli obiettivi approvati dal Consiglio ed in coerenza con gli indirizzi attuativi deliberati dalla Giunta;
c) indice i referendum comunali;
d) emana le ordinanze per l'esercizio delle proprie attribuzioni nei servizi di competenza statale e quale autorità locale;
e) rappresenta l’ente in giudizio, previa deliberazione della Giunta. L’esercizio di tale rappresentanza può essere delegato ai dirigenti;
f) informa la Giunta ed il Consiglio sulle richieste di stipula di accordi di programma pervenute al comune e, sulla base degli indirizzi approvati dal Consiglio, assume le determinazioni conseguenti;
g) promuove accordi di programma sulla base di indirizzi deliberati dal Consiglio. A tal fine il Sindaco relaziona in ordine agli enti che si intendono coinvolgere, all’intervento oggetto dell’accordo, ai tempi, alle modalità, ai finanziamenti e agli adempimenti cui sarebbe chiamato il comune in caso di stipulazione dell’accordo medesimo;
h) ha il potere di delega generale o parziale delle sue competenze ed attribuzioni agli assessori e, ove consentito, ai consiglieri comunali, al segretario comunale, al direttore generale ed ai dirigenti;
i) può chiedere al segretario comunale o al direttore generale di pronunciarsi rispettivamente sulla conformità alle norme e sulla conformità agli obiettivi ed indirizzi degli organi di governo, degli atti di competenza dei dirigenti. Il regolamento stabilisce competenze, procedure e modalità per l’adozione degli eventuali conseguenti atti;
l) verifica l’attuazione dei programmi e la conformità, rispetto agli indirizzi deliberati dagli organi competenti, dell’attività delle aziende pubbliche, degli enti dipendenti, sovvenzionati o sottoposti a vigilanza del comune nonché dell’operato dei rappresentanti del comune presso enti, aziende, istituzioni ed ogni altro organismo. Il Sindaco ne riferisce al Consiglio in occasione dell’approvazione del rendiconto della gestione;
m) esercita le proprie competenze in materia di orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi, dei servizi e degli uffici pubblici, al fine di armonizzare l'espletamento dei servizi con le esigenze complessive e generali degli utenti;
n) stipula le convenzioni tra il comune ed altri enti locali;
o) dispone in ordine alla concessione del patrocinio dell’ente per manifestazioni ed analoghe iniziative promosse da terzi.

19/10/2016 - 06/03/2013

Share |